Potresti aver perso:
Home / Calcio / La Società Sportiva Milazzo spegne 84 candeline. Nel 1984, la ripartenza con il titolo del Merì

La Società Sportiva Milazzo spegne 84 candeline. Nel 1984, la ripartenza con il titolo del Merì

Nell’anno del Covid, la Società Sportiva ha compiuto 84 anni dalla fondazione, avvenuta nel 1937, conoscendo momenti belli e brutti, alti e bassi. Però, il calcio milazzese, chiamato spesso a diverse ripartenze, trentasette anni fa, nel 1984, lo farà con il titolo del Merì e l’anno dopo con quello dell’Aquila Valdina. Il problema si ripresenta ventidue anni dopo, nel 2006, quando si affida al titolo del Real Messina ed in periodi più recenti, al Sacro Cuore Milazzo, e Pistunina.
Oggi c’è l’opportunità dell’ex Virtu Milazzo, che ha dato vita all’attuale Ss Milazzo di Milazzo, una occasione da non perdere, senza girare lo sguardo altrove.
Scorrendo la cronistoria della Società sportiva Milazzo, troviamo, che quando era necessaria la ricostruzione, solo una volta ha fatto ricorso al titolo sportivo di club locali, quello del Sacro di Milazzo. Per resto, sia pure con il lodevole impegno delle società del luogo, rivolgendosi altrove.
Dicevano di  37 anni fa, quando, si acquisisce un titolo sportivo del Merì, che rappresenta la  prima ciambella di salvataggio al calcio milazzese.
Allora, una scelta obbligata, per far risorgere il calcio mamertino, uscito malconcio nell’81, quando non si iscrive al campionato di Serie D, 1981-82, dopo il 14° posto nel girone F di Serie D del 1980-81.
In quel periodo, il pallone scompare per tre anni. Riparte, proprio, grazie all’operazione con il Merì, nel 1984-85, quando si iscrive con il nome di Pro Milazzo, classificandosi al 13° posto, in Prima Categoria di quella annata calcistica. Non avendo ottenuto il salto di categoria, ci riprova ed a fine stagione, nel 1985-86, nasce l’Aquila Milazzo dopo la fusione fra Pro Milazzo e Aquila Valdina. Squadra che si classifica al decimo posto del girone A della Promozione siciliana. Diventa Ss Milazzo, l’anno successivo.
Poi, nessun nuovo titolo sportivo importato, fino al 2006, quando il G.S. San Papino Milazzo, cambia denominazione in A.S.D. Milazzo, ed in seguito all’acquisto del titolo sportivo del Real Messina, si iscrive in Promozione. Mantiene la categoria che poi trasferisce a quel Milazzo delle tre promozioni di fila, coronandola con  la Lega Pro.
Conclusa quella esperienza, riprendono i cambi di passo. Nel 2013-2014, la trasformazione del Gs Sacro Cuore, porta all’Asd Città di Milazzo e poi allo Sportsoccer Milazzo 1937. Club, che nel 2016, in seguito alla fusione con l’A.S.D. Real Filicudi di Lipari, cambia denominazione in S.S.D. Milazzo 1937 e prosegue il cammino in Eccellenza, fino al 2016. Stagione di stop è quella del 2017-18. E nel 2018, in concomitanza con il salto in Promozione dell’ex Virtus Milazzo, l’U.S.D. Pistunina di Messina, società di Eccellenza, si trasferisce a Milazzo e cambia denominazione in S.S.D 1937 Milazzo. Questo nuovo esperimento, si conclude dopo una stagione e mezza. Delle due squadre, una in Eccellenza e l’altra in Promozione, resta solo quella di Promozione, l’ex Virtus Milazzo, ora Ss Milazzo di Promozione, tre stagioni nella categoria.