Potresti aver perso:
Home / Altri sport / Football americano: I liotri strapazzano i Pretoriani 36-11 e centrano la finalissima

Football americano: I liotri strapazzano i Pretoriani 36-11 e centrano la finalissima

Football americano: I liotri strapazzano i Pretoriani 36-11 e centrano la finalissima.
Gli Elephants Catania affronteranno i Leoni Basiliano il 24 luglio.
di Paolo Boccaccio

Si vola a Cecina per l’atto finale di questo campionato CIF 9. Gli Elephants conquistano il loro posto battendo i Pretoriani Roma 36 a 11 nella finale di South Conference.
È il prossimo 24 luglio l’appuntamento per il XXI Nine Bowl, la finale nazionale del campionato di football a 9, che si giocherà presso lo Stadio Loris Rossetti di Cecina tra gli etnei ed i campioni della North Conference, Leoni Basiliano.
Partono subito bene i padroni di casa con il primo TD di Enrico Lombardo, protagonista dell’attacco etneo. Seguito dalla trasformazione del kicker Edoardo Gulisano che inizia al meglio la sua ottima prestazione della giornata.
Segue il secondo TD su corsa del RB Lombardo che nonostante il sole cocente delle 13.00 riesce per tutta la partita a mantenere una presentazione senza pari. È lo snap sbagliato però che penalizza gli Elephants segnando il punteggio sul 13 – 0.
Inizia il secondo quarto ed i catanesi segnano il terzo TD su corsa di Lombardo che domina il campo per tutto il primo tempo.
I Pretoriani riescono ad andare a segno solo col Field Goal di Di Giorgio tornando negli spogliatoi col 19 – 3 sul tabellone.
Nel secondo quarto i romani tornano in campo con più grinta riuscendo a tenere meglio l’attacco avversario e concedendo agli Elephants solamente un Field Goal di Gulisano (22-3).
Ma nell’ultimo quarto di gioco il giovane QB Francesco Aronica lancia un TD pass su Gulisano mettendo definitivamente al sicuro il risultato e bissando subito dopo segnando un TD con una corsa da 36 yd (36-3).
I Pretoriani non mollano comunque fino all’ultimo secondo di gioco chiudendo il match con il pass su Assogna che vola in TD e trasforma poi da 2 punti chiudendo il risultato definitivo sul 36 – 11 con una grande dimostrazione di spirito sportivo e voglia di giocare e lottare per ogni singola yd.
Un risultato meritato per i liotri, nonostante l’infortunio del QB Conticello, la cui mancanza si sente in campo ma non basta per debilitare gli animi dei compagni che conquistano il loro posto in questa attesissima finale. Una finale che sa di rivincita per gli etnei che la aspettano da quel 2018 parmense che li decretò 2° in Italia.
In finale c’è voglia di rivincita e mostrare tutto il valore e la consapevolezza di un campionato meritato in ogni azione, di una squadra coesa e preparata, pronta a lottare per la conquista del tanto agognato titolo nazionale.
Francesco Imbesi (Head Coach Elephants):
“Una altra partita epocale degli Elephants. Altra vittoria convincente. I miei ragazzi oggi hanno dato prova di essere squadra prima di ogni altra cosa. L’avversario era decisamente un brutto cliente. Capace di lanciare e soprattutto correre con uno dei RB più forti d’Italia.
Inoltre il nostro QB titolare non era in condizioni dopo Barletta di operare al meglio pertanto abbiamo fatto quello che solo il nostro Sport può dare. Mettere in campo soluzioni alternative e soprattutto una difesa implacabile. Così abbiamo dato libero sfogo al nostro Runner Enrico Lombardo attraverso un gioco a terra tanto brutto a vedersi quanto efficace pensato da Coach Camarda e messo in pratica da tutto il team.
Questa volta non abbiamo fatto particolari sbavature ad inizio partita entrando in campo con una defense accorta e preparata contro l’attacco Pretoriano. Andati avanti di 3 TD abbiamo commesso il primo errore con un fumble che ha prodotto 3 punti per i pretoriani. Destinati a rimanere tali per tutto il resto del tempo grazie alla perfetta preparazione della partita da parte di Coach Corrado Di Martino che ha dato la possibilità al nostro attacco di andare a segno ancora. Solo sul finire dell’ultimo quarto abbiamo subito un TD a conferma che i Predatori sono un team solido.
Grande la gioia tra i giocatori e lo staff e soprattutto per il nostro pubblico che finalmente ha potuto godere di una prestazione granitica degli Elephants. Adesso è il momento di celebrare.
Ma da domani si ricomincia per onorare l’impegno più importante che ci attende a Cecina.”
Angelo Di Giunta (Team Manager Elephants):
“Oggi è stata una giornata di grandi emozioni per gli elephants nel campo di Aci Sant’Antonio che per l’ennesi volta ci ha portato fortuna regalandoci il titolo di campioni del sud italia per il campionato Cif 9. Grandi emozioni sono venute dalla , finalmente, presenza di un pubblico che, purtroppo per la pandemia, non vedevamo da 2 anni. Siamo felici di poter disputare la finale di questo campionato a Cecina tra 2 settimane.
Un grazie particolare si coach e agli atleti tutti per l’impegnò e la dedizione profusa che ci ha permesso di arrivare qui. Adesso saranno 2 settimane di duro lavoro fisico , di studio degli avversari per andarci a prendere quello cge ci meritiamo.”
Lucio Maugeri (Presidente Elephants Catania):
“Magistrale amministrazione della partita operata dai nostri coaches i quali, dovendo fare a meno del QB titolare Conticello hanno messo in opera un gioco di corse con protagonista Lombardo che ha piegato la difesa avversaria.
Grande prestazione della nostra difesa che ha svolto impeccabilmente la propria mission bloccando tutti i tentativi degli avversari concedendo quasi niente se non alla fine con buona parte dei titolari a riposo. Avversari onorevoli che hanno combattuto fino all’ultimo secondo.
Come dirigenza ci riteniamo pienamente soddisfatti, felici di aver avuto al campo una gran quantità di pubblico e di sostenitori che hanno contribuito a rendere questa finale di conference speciale e da ricordare per sempre.
Un abbraccio ed un applauso ai miei colleghi dirigenti che con entusiasmo ed abnegazione hanno fatto si che tutto questo si realizzasse.
Siamo pronti per andare a Cecina certi di avere una squadra compatta e coesa all’obiettivo principale. Go Elephants, born to be liotru.”