Potresti aver perso:
Home / Calcio / Calcio Sicilia: La Pol. Malfa riprende l’attività. Due punti di penalizzazione per l’Atletico Catania

Calcio Sicilia: La Pol. Malfa riprende l’attività. Due punti di penalizzazione per l’Atletico Catania

Da parte della Lnd Sicilia, negli ultimi comunicati, il ripristino dell’affiliazione di tre società di calcio inattive Si tratta della Pol. Malfa (isola di Salina), M.F. Strasatti (frazione del comune di Marsala) ed Hellenika (Siracusa). Per quanto riguarda, invece, il Tribunale Federale Territoriale 01, nel comunicato ufficiale n. 12, del 20 luglio 2021, il provvedimento che infligge due punti di penalizzazione, all’Atletico Catania di Eccellenza, da scontare nella stagione sportiva 2021/2022, nel campionato di competenza della prima squadra.
Richiesta ripristino affiliazione:
La società  matricola 79085 POL. MALFA, dichiarata inattiva nella stagione sportiva 2020/2021, ha dichiarato la volontà di riprendere l’attività  Dilettantistica e pertanto si prende atto di tale disponibilità. Si dà atto che la società alla data odierna non presenta situazioni debitorie nei confronti di questo Comitato Regionale.
La società  matricola 918940 A.P.D. M.F. STRASATTI, dichiarata inattiva nella stagione sportiva 2020/2021, ha dichiarato la volontà di riprendere l’attività  Dilettantistica e pertanto si prende atto di tale disponibilità. Si dà atto che la società alla data odierna non presenta situazioni debitorie nei confronti di questo Comitato Regionale.
La società matricola 740396 A.S.D. HELLENIKA A.S., dichiarata inattiva nella stagione sportiva 2019/2020, ha dichiarato la volontà di riprendere l’attività di Settore Giovanile Scolastico e pertanto si prende atto di tale disponibilità. Si dà atto che la società alla data odierna non presenta situazioni debitorie nei confronti di questo Comitato Regionale.
Procedimento n.03/B
Atletico Catania (Eccellenza). Deferimento a carico di tre dirigenti, per aver omesso di provvedere al regolare tesseramento di un proprio giocatore e per aver consentito il suo schieramento quale calciatore in occasione di alcune gare di seguito indicate: gara di Coppa Italia Eccellenza del 13/09/2020 disputata a Catania dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Enna; gara di campionato Eccellenza, girone B del 20/09/2020 disputata a Sant’Agata di Militello dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Acquedolci; gara di campionato Eccellenza, girone B del 26/09/2020 disputata a Catania dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Igea 1946; gara di campionato Eccellenza, girone B del 10/10/2020 disputata a Catania dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Virtus Ispica 2020.
Il deferimento trae origine da una segnalazione del Responsabile Giustizia Sportiva del Comitato Regionale Sicilia, inviata alla Procura Federale (protocollo SB/sb del 22/12/2020) con la quale è stata trasmessa la documentazione relativa alla gara del campionato di Eccellenza, Atletico Catania – Virtus Ispica 2020 disputata il 10/10/2020, e a quanto deliberato dal Giudice Sportivo Territoriale del CR Sicilia con provvedimento pubblicato nel Comunicato Ufficiale n.118 del 13/10/2020, il quale sanzionava il suddetto giocatore perché prendeva parte alla suddetta gara senza essere regolarmente tesserato. L’ufficio Federale provvedeva all’istruzione con la raccolta degli atti inerenti la vicenda in questione presso il Comitato Regionale Sicilia, procedendo all’acquisizione della documentazione relativa alle gare ed al calciatore.
Fissata l’udienza dibattimentale previa abbreviazione dei termini giusto decreto del 06/07/2021, nessuno è comparso per le parti deferite, benché ritualmente convocate, né le stesse, nei termini, hanno fatto pervenire memorie e documenti a discolpa.
La Procura Federale ha svolto le indagini necessarie all’individuazione delle responsabilità dei soggetti incolpati, che risultano provate documentalmente, per cui tutti vanno sanzionati in modo adeguato all’illiceità della loro condotta, come da dispositivo, anche per essere venuti meno ai principi di lealtà, probità e correttezza sanciti dall’art. 4, commi 1° e 2° del CGS vigente.
Infatti il giocatore è stato impiegato nelle gare contestate fino al 10 ottobre 2020 e segnatamente: gara di Coppa Italia Eccellenza del 13/09/2020 disputata a Catania dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Enna; gara di campionato Eccellenza, girone B, del 20/09/2020 disputata a Sant’Agata di Militello dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Acquedolci;
gara di campionato Eccellenza, girone B, del 26/09/2020 disputata a Catania dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Igea 1946;
gara di campionato Eccellenza, girone B, del 10/10/2020 disputata a Catania dalla società U.S.D. Atletico Catania contro la società Virtus Ispica 2020 (quest’ultima già oggetto di sanzione da parte del GST); risulta, invece, che il suo tesseramento sia avvenuto in epoca successiva e, precisamente, il 13 ottobre 2020.
La società U.S.D. Atletico Catania risponde anche a titolo di responsabilità oggettiva ai sensi dell’art. 6 comma 2 CGS., per il comportamento posto in essere dai propri tesserati, come sopra descritti al momento della commessa trasgressione. Tutto ciò premesso, rilevato che non sono pervenute note difensive, ritenuto che le condotte degli incolpati, sono ascrivibili alla violazione delle norme sopra evidenziate,
P.Q.M. Il Tribunale Federale Territoriale, visti gli art. 1 bis comma 1, art. 10, comma 6, C.G.S., art. 4, art. 6, 1° e 2° comma del C.G.S., da tre a sei  mesi di inibizione a tre  dirigenti e nei confronti del giocatore, la sanzione di sei giornate giornate di squalifica;
Nei confronti della Società U.S.D. Atletico Catania, a titolo di responsabilità oggettiva ai sensi dell’art. 6, comma 2° del CGS vigente, la sanzione dell’ammenda di € 500,00 e punti due di penalizzazione da scontare nella S.S. 2021/2022 nel Campionato di competenza della prima squadra.
Il presente provvedimento viene comunicato alla Procura Federale ed alle parti deferite, e le sanzioni adottate saranno esecutive a decorrere dalla data di comunicazione delle stesse alle parti, in osservanza degli artt. 51 e 53 del C.G.S.