Potresti aver perso:
Home / Comunicati / Ars: Stabilizzazione precari, intervengono gli onorevoli Lo Giudice e Laccoto

Ars: Stabilizzazione precari, intervengono gli onorevoli Lo Giudice e Laccoto

Di seguito, in ordine cronologico, i comunicati degli onorevoli Danilo Lo Giudice e Giuseppe Laccoto sulla stabilizzazione dei precari. il personale Asu in servizio nelle pubbliche amministrazioni, 
PRECARIATO. Stabilizzazione ASU. Lo Giudice “Dopo 25 anni chiusa pagina buia per 4500 lavoratori”
“Dopo 25 anni di “lavoro nero” si avvia a conclusione chiude una delle pagine più buie del precariato siciliano, con oltre 4.500 lavoratori e lavoratrici che finalmente potranno avere un rapporto stabile.”
Lo afferma Danilo Lo Giudice, dopo il voto favorevole dell’Assemblea Regionale Siciliana sull’articolo 46 della Finanziaria che prevede la stabilizzazione di 4571 lavoratori ASU negli enti presso cui prestano servizio.
“Questo percorso di stabilizzazione – ricorda Lo Giudice – è iniziato 2 anni fa con una mia proposta che ha messo fine alla “schiavitù” del rapporto con le cooperative; un percorso che oggi ci consente la definitiva stabilizzazione e quindi la possibilità di dare dignità di lavoratori a tanti siciliani che per anni, anzi per decenni hanno prestato servizio senza alcuna garanzia, come se fossero lavoratori di serie B, pur avendo ruoli e responsabilità immense in tutti gli enti presso cui sono stati utilizzati fino ad oggi.”
Dichiarazione on. Laccoto su approvazione norma stabilizzazione ASU.
E’ un traguardo di straordinaria importanza, inseguito e voluto con convinzione.
L’approvazione dell’art. 46 della finanziaria regionale che prevede la stabilizzazione del personale Asu in servizio nelle pubbliche amministrazioni, segna una tappa qualificante di questa legislatura.
Passa la linea contenuta nel disegno di legge che ho proposto a febbraio come primo firmatario: verranno seguite le stesse procedure utilizzate per la stabilizzazione degli altri precari e sono stati trovati i fondi già individuati in commissione Bilancio, 10 milioni per il 2021 e 15 milioni per il 2022 e 2023.
Una svolta storica per circa 4600 Asu in attesa di certezze da oltre 30 anni.
E’ un successo di tutti, una vittoria nel segno della giustizia sociale.
Palermo, 24/03/2021