Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Violenza sulle donne, convegno a palazzo D’Amico col generale Garofano

Milazzo: Violenza sulle donne, convegno a palazzo D’Amico col generale Garofano

convegnomilazzoSi è svolto a palazzo D’Amico il convegno sul problema della violenza sulle donne, organizzato dalla dott.ssa Rosaria De Luca funzionario del Ministero della Giustizia e criminologa in collaborazione con il Comune di Milazzo, Lions Club, Rotary Club e Soroptimist Milazzo. Ospite della serata è stato il generale Luciano Garofano autore del libro “I Labirinti del Male”.
Femminicidio, stalking e violenza sulle donne in Italia, che cosa sono, e come difendersi, sono stati i temi trattati dai relatori dopo il saluto del vicesindaco Stefania Scolaro e dei presidenti dei club service, Sergio Castellaneta per il Rotary club, Michelangelo Romano per il Lions e l’avv. Ileana Ocera del Soroptimist. Sono intervenuti  il dottor Massimo Raffa del Dipartimento Studi Umanistici Università della Calabria  con il suo interrogativo “Si può avere l’amore?, la dottoressa Rosanna Casabona, pubblico ministero del tribunale di Patti, che ha illustrato la violenza nei rapporti di coppia dal punto di vista della tipologia dei reati e rimedi, e il dott. Nicola Mazzamuto presidente del Tribunale di Sorveglianza di Messina che ha trattato il tema della condizione detentiva  della donna.
“La drammaticità delle odierne cronache – ha poi affermato la dottoressa De Luca, moderatrice dei lavori – in cui ogni due giorni viene uccisa una donna, fa constatare un inquietante presa di coscienza che nessuna donna è immune , una mamma , una fidanzata, una giovane adolescente viene uccisa dal marito, dal fidanzato, da un qualsiasi uomo spesso un ex compagno ma peggio ancora dal padre dei propri figli. Solo con una idonea campagna culturale di sensibilizzazione del problema e della formazione di una rete di operatori professionali e istituzionali (forze dell’ordine, operatori sociali, avvocati, medici e assistenti sanitari, insegnanti, giudici….) è possibile abbattere questo muro di omertà, di sensibilità di disinteresse e inadeguatezza che considera il “femminicidio” qualcosa di spiacevole.
La violenza sulle donne – ha concluso – è proprio una “regressione sociale” che può essere combattuta solo con  l’arma più forte e più potente “l’educazione”,  educare ai sentimenti, educare all’ascolto, questa è l’unica arma di prevenzione. Lo dobbiamo, conclude la dott.ssa De Luca per tutte quelle donne che hanno provato a dire qualcosa ma  non sono state ascoltate e chissà quanto ancora avevano da dire, per tutte quelle donne che si trovano in difficoltà, per farle denunciare per non costringerle più a sopportare la violenza gratuita, subdola ingiustificata e  aiutarle a uscire dai “ Labirinti del male” cosi come ha detto  il generale Garofano”.
Comune di Milazzo Ufficio Stampa
Comunicatonr.238 del 29/7/2013.