Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: “Vicenda Milazzo”, interviene l’unica donna presente in Consiglio comunale

Milazzo: “Vicenda Milazzo”, interviene l’unica donna presente in Consiglio comunale

rosariadelucaSituazione politica, nota della consigliera Rosaria De Luca (nella foto).
Con riferimento all’attuale situazione politica, la consigliere comunale Rosaria De Luca ha diffuso un documento nel quale chiarisce la propria posizione all’interno del Consiglio comunale.
Ecco la nota:
“Osservando gli accadimenti di questi giorni, densi di denunce, controdenunce, attacchi di natura personale e lontani dalla ordinaria dialettica politica, sento il bisogno di precisare che nulla dei miei convincimenti, delle mie scelte, dei progetti sia a breve che di ampio respiro, politici e non, sociali e non, è mutato.  Nulla è mutato dal giorno delle elezioni che mi vedevano destinataria del mandato elettorale nella lista della Coccinella ex PDL; tutte le mie determinazioni, infatti, sono state ispirate dalla volontà di tenere fede agli impegni presi con gli elettori e con la dirigenza del partito nel solo interesse del bene comune, della cittadinanza di Milazzo, quindi, la sola interlocutrice legittimata alle censure in presenza di mala gestione della cosa pubblica. Le innumerevoli sfaccettature della “vicenda Milazzo”, nulla hanno a che vedere con la “buona politica” che si dovrebbe tradurre in servizio a beneficio della collettività ed in niente di altro.
Cosa è rimasto della  politica che sognavo dal primo giorno della mia elezione, che cerca di coinvolgere i giovani esclusi da qualsiasi progetto decisionale e quella parte di elettorato che crede e spera ancora nel cambiamento, anche fisico della rappresentanza democratica e vuole il “nuovo”?.
Il mio percorso politico, è stato inibito purtroppo in Consiglio, ma certamente no nel cuore, nei pensieri e, perché no, nel  sogno da inseguire sempre quando ci accompagna la forza ideale di un credo incorruttibile e tetragono a tutte le tentazioni, alle lusinghe di chi è abituato a promettere soltanto benefici personali dimenticando il ministero affidatogli dagli elettori, dai cittadini che forse confidavano in concrete azioni vivifiche, proiettate al conseguimento di risultati veri e non alle ripetitive, noiose ed inutili enunciazioni. Per tutte queste considerazioni, prometto impegno ed uguale se non maggiore dedizione ai cittadini di Milazzo ed a Me stessa in nome di quell’onore e quel decoro che deve accompagnare la stessa vita, nella sua completezza, del rappresentante del Popolo, di una persona che ha giurato fedeltà, alle Istituzioni democratiche e, ancor più, alla collettività che in Lei ha riposto fiducia, aspettative ed, in questi nostri tempi drammatici,  il sogno di una vita migliore”.
Comune di Milazzo – Ufficio Stampa
Comunicato n. 104 dell’ 11/3/2014.