Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Piano sanitario regionale, l’ Amministrazione boccia la bozza

Milazzo: Piano sanitario regionale, l’ Amministrazione boccia la bozza

L’assessore Pippo Midili, delegato dal sindaco Pino, perché impegnato in altra sede, ha partecipato alla riunione svoltasi a Palermo tra gli amministratori locali e la dirigente del dipartimento Programmazione Ospedaliera dell’assessorato regionale alla Sanità Rosalia Murè sulla bozza del nuovo Piano sanitario. All’inizio della discussione però è emerso che il Piano che era in discussione era diverso da quello illustrato dalla Commissione sanità nel corso dell’incontro dei mesi scorsi a Messina e così l’esponente della giunta Pino ha subito sollevato la pregiudiziale che ha sostanzialmente reso inutile la convocazione della conferenza di servizi. “Ci siamo seduti al tavolo dei sindaci avendo contezza di un Piano sanitario regionale – evidenzia Midili – ma quando si è iniziato a discutere ci siamo resi conto che si parlava di un’altra bozza. A quel punto non aveva senso continuare. Le indiscrezioni relative ad un depotenziamento degli ospedali riuniti di Milazzo –Barcellona e Lipari hanno trovato in parte conferma soprattutto per quel che concerneva il reparto di otorinolaringoiatria di Milazzo che – secondo quella pianificazione – andava accorpato a oculistica e sostanzialmente perdeva il primariato che sarebbe passato a Patti. Al di là della inopportunità della decisione visto che si tratta di un reparto  che annovera brillanti professionalità, tant’è che pazienti di altre Asp regionali e persino della Calabria si rivolgono a Milazzo, non capisco come un  Piano sanitario regionale che, a dire del presidente della Commissione, on. Di Giacomo, per la prima volta era stato concertato nell’interesse dei territori senza alcuna imposizione, improvvisamente e, cosa grave, sotto traccia finisca al centro di “aggiustamenti” che producono l’unico risultato di penalizzare un comprensorio di oltre 150 mila abitanti che accoglie strutture sanitarie strategiche come Milazzo, Barcellona e Lipari. Da qui la decisione di fermare tutto”. Il confronto sul  nuovo piano sanitario regionale proseguirà adesso secondo un calendario già stabilito. Il 2 luglio a Messina si terrà una nuova riunione tra i sindaci dei centri capofila nei distretti sanitari della provincia di Messina, mentre giorno 7 sarà convocata a Milazzo la conferenza dei servizi tra tutti i primi i cittadini per esprimere il parere di competenza e proporre le eventuali modifiche.
Comune di Milazzo Ufficio Stampa
Comunicato n. 295 del 20/6/2014.