Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Parcheggi a pagamento, il Tar rigetta ricorso ditta esclusa

Milazzo: Parcheggi a pagamento, il Tar rigetta ricorso ditta esclusa

Tar CataniaIl Tar di Catania ha rigettato il ricorso della ditta di Ragusa, terza classificata nella gara bandita dal Comune per l’assegnazione del servizio dei parcheggi a pagamento aggiudicata alla coop. Airone di Palermo. Ciò consentirà all’Amministrazione di poter sbloccare la situazione. Nei prossimi giorni sarà ufficializzata la data d’inizio della sosta a pagamento, che dovrebbe comunque avvenire dopo la prima settimana di novembre. Con la cooperativa aggiudicataria infatti sono stati definiti tutti gli adempimenti burocratici per la firma del contratto.
Quanto al rebus stalli, l’Amministrazione ha inteso puntualizzare, per porre fine alle polemiche di questi giorni, che la cancellazione della segnaletica orizzontale già eseguita a seguito dei lavori di bitumazione in alcune strade, “non ha determinato una spesa inutile in quanto le stesse strisce saranno ripristinate senza oneri per il Comune, dalla ditta che sta eseguendo questi lavori”.
“Ho sentito di tutto su questa vicenda – spiega il sindaco Pino – con molte persone che ci accusano di aver speso quei soldi per un lavoro inutile. La realizzazione delle strisce blu è stata programmata nel periodo estivo in quanto legata all’avvio della sosta a pagamento prevista nel mese di agosto. I rituali controlli amministrativi prima di poter procedere all’aggiudicazione definitiva hanno fatto slittare tutto di un mese e nel momento in cui la segnaletica era pronta (oltre agli stalli è stata installata la cartellonistica verticale) lo scorso settembre, è arrivato il ricorso al Tar. Solo per queste ragioni il servizio delle strisce blu non è iniziato.
Relativamente ai lavori di bitumazione, come Comune siamo stati destinatari della comunicazione di inizio lavori da parte dell’Ente capofila dei Pist (il Comune Gualtieri Sicaminò) che ha anche curato le procedure di gara e pianificazione dei lavori. Quindi nessuna responsabilità può essere addebitata al Comune. Tutto qui. Un fatto è certo: le spese per la segnaletica, prima o dopo avremmo dovute sostenerle. Quelle strisce se non le avessimo fatte allora, le avremmo dovute prevedere adesso. Ci penserà la ditta che sta curando la bitumazione e che dovrà realizzare anche la normale segnaletica. Quindi soltanto polemiche sterili”.
Comune di Milazzo
Ufficio Stampa
Comunicato n. 386 del 25/10/2013.