Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: L’assessore Gitto all’iniziativa di Legambiente “Spiagge Pulite”

Milazzo: L’assessore Gitto all’iniziativa di Legambiente “Spiagge Pulite”

DSC02503Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato nr. 155 del 28/5/2013.
L’assessore all’Ambiente Salvatore Gitto ha partecipato all’iniziativa, riproposta anche quest’anno da Legambiente “Spiagge Pulite” al boschetto dell’Ancora col contributo fattivo  degli scout di Milazzo 1 e 2, delle associazioni “Camminiamo in sintonia”, “Il promontorio” ed i rappresentanti della Dusty organizzati anche per la raccolta differenziata dei rifiuti provenienti dalla spiagge. Nel corso della giornata sono state sottratte alla spiaggia e al mare : tanta plastica, polistirolo, lattine, copertoni  e altro ancora, portato dalla marea e proveniente dai torrenti e dal mare aperto; tutto ciò  ci fa capire che  il problema dei  rifiuti non è affatto risolto e che può essere affrontato con consapevolezza e senso civico e di  appartenenza al territorio.
“L’iniziativa – ha detto Pippo Ruggeri – non deve considerarsi come un intervento sostitutivo, ma come una linea guida da seguire per salvaguardare un ambiente naturale ; è in particolare un atto di  amore e rispetto nei confronti della natura e la manifestazione a Milazzo evidenzia il valore della duna sabbiosa, un ambiente naturale particolare e delicato, in quanto passaggio graduale tra la terraferma e il mare con una tipica vegetazione costituita dalle cosiddette piante pioniere, specie che per prime riescono ad attecchire sulle sabbie, non  più esposte a pesanti livellamenti artificiali (come l’uso delle ruspe). Questa vegetazione svolge un ruolo fondamentale per il consolidamento  della duna ed è  protetta dalla legislazione europea. Proprio per questo il Ministero dell’Ambiente nella strategia della conservazione degli ambienti naturali nei quaderni habitat indica delle direttive precise da far rispettare, indicando la procedura manuale del rastrellamento con personale addestrato, ed evitando l’uso di mezzi pesanti distruttivi dei litorali marini, equilibri delicati esposti al rischio di erosione”.
L’Ufficio Stampa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.