Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: L’Amministrazione comunale risponde a due interrogazioni

Milazzo: L’Amministrazione comunale risponde a due interrogazioni

milazzocomune“ Gli assessori Romagnolo e Russo non sono incompatibili”.
L’Amministrazione comunale appresa la notizia della presentazione di due interrogazioni da parte di alcuni consiglieri comunali in merito ad una presunta posizione di incompatibilità degli attuali assessore Santi Romagnolo e Dario Russo, precisa quanto segue: “Non esiste assolutamente conflitto di interessi tra l’Ente e i due amministratori. L’assessore Romagnolo ha rinunciato preventivamente al contenzioso con il Comune relativo ad un decreto ingiuntivo che lo stesso aveva proposto davanti al Giudice di Pace di Milazzo, mentre l’assessore Dario Russo non è parte in alcun contenzioso”.
Comune di Milazzo Ufficio Stampa – Comunicato n° 97 del 5/3/2014.
Le due interrogazioni,interrogazioni consiglieri
Prima interrogazione:

Al Signor Sindaco di Milazzo
Al Signor Segretario Generale del Comune
Al Signor Dirigente Ufficio Legale
Al Signor Dirigente Ufficio di Ragioneria
Al Signor Presidente del Consiglio
Al Signor Prefetto di Messina
All’Assessore Regionale Agli Enti Locali – Pa –
All’Ufficio stampa del Comune
l Sottoscritti Consiglieri Comunali nell’esercizio delle proprie funzioni interrogano il Sig.Sindaco:
Premesso
Che con delibera di G.M. n.159 del30.06.2010,esecutiva, il Sindaco è stato autorizzato a resistere in giudizio e a promuovere le azioni legali necessarie nell’interesse dell’Ente;
Che Il Sindaco di Milazzo con la determina sindacale la n.6 del 27.1.2014 si costituisce nel giudizio, iscritto al n. 716/2013 R.G. del Tribunale di Barcellona Pg., conferendo incarico all’avv. Ruggero Zebito , a seguito di atto di citazione~ per chiamata in causa del Comune, notificato in data 8 ottobre 2013, dall’ex Sindaco Prof. Russo Filippo e/Comune di Milazzo nel contenzioso promosso dalla Cooperativa Teatro nel Laboratorio/Comune di Milazzo;
Che la Cooperativa Teatro nel Laboratorio ha citato il Prof. Filippo Russo Sindaco e I’Ass. Prof.  Dario Russo amministratori Comunali all’epoca dei fatti , a seguito di sentenza del Tribunale di Barcellona Pg., per sentirli condannare al pagamento di E.1 02.576.090 oltre iva e le spese legali e interessi maturati dal 1994 ad oggi.
Che il Prof. Filippo Russo ex Sindaco si è costituito ed ha chiamato in garanzia il Comune di Milazzo per il pagamento del credito vantato dal Teatro nel Laboratorio.
Che la chiamata del terzo (Comune di Milazzo)a garanzia del pagamento delle fatture e del risarcimento del danno oltre le spese dei Legali con l’avvenuta costituzione nel giudizio dell’ente, pone il Prof. Dario Russo – in qualità di amministratore dell’ente- incompatibile con la carica.
Che l’Assessore Prof. Dario Russo è attualmente amministratore dell’ente;
Tutto ciò come in premessa
Chiedono risposta scritta al Signor Sindaco sulle seguenti domande:
a) quali atti amministrativi vuole assumere per fare cessare la causa di incompatibilità dell’Assessore Dario Russo, sopravvenuta con la costituzione dell’ente nel giudizio sopra specificato,
b) quali atti il Dirigente all’Ufficio legale e il Segretario Generale intendono  mettere in atto al fine di eliminare la incompatibilità deii’Ass.Dario Russo.
c) Si chiede inoltre al Dirigente dell’Ufficio Legale e al Dirigente la Ragioneria Generale di recuperare le spese legali che l’ente ha sostenuto per difendersi nei vari stati di giudizio ed in quello emarginato .
Seguono le firme di sei consiglieri: Maisano, Alesci, Marano, Andaloro, Bagli e A. Capone.

^^^^^Seconda  interrogazione:
Al Signor Sindaco di Milazzo
Al Signor Segretario Generale del Comune
Al Signor Dirigente Ufficio Legale
Al Signor Dirigente Ragioneria generale
Al Signor Prefetto di Messina
All’Assessore Regionale Agli Enti Locali- Pa-
All’Ufficio Stampa del Comune di Milazzo
l Sottoscritti Consiglieri Comunali nell’esercizio delle proprie funzioni interrogano il Sig.Sindaco:
Premesso
Che con delibera di G.M. n.159 del 30.06.201 O,esecutiva, il Sindaco è stato autorizzato a resistere in giudizio e a promuovere le azioni legali necessarie nell’interesse dell’Ente;
Che Il Sindaco di Milazzo della precedente amministrazione si è costituito nel giudizio davanti al Giudice di pace di Milazzo n 197/10 conferendo incarico ad un Legale in opposizione al decreto ingiuntivo promosso dall’ingegnere Santi Romagnolo ;
Che l’ing. Romagnolo ha richiesto il pagamento di euro 3.690,00 al Comune di Milazzo.
Che l’avvenuta costituzione nel giudizio dell’ente, pone l’ing. Santi Romagnolo – in qualità di amministratore dell’ente- incompatibile con la carica.
Che la legge al momento della nomina dell’amministratore impone la dichiarazione di quest’ultimo di non avere liti pendenti con l’ente e di non essere incompatibile con la carica di assessore.
Che ad oggi risulta pendente il giudizio.
Che l’Assessore Santi Romagnolo è attualmente amministratore dell’ente;
Tutto ciò come in premessa
Chiedono risposta scritta al Signor Sindaco sulle seguenti domande:
a) quali atti amministrativi vuole assumere per fare cessare la causa di incompatibilità dell’Assessore Santi Romagnolo,causa già esistente al momento della nomina con la costituzione dell’ente nel giudizio sopra specificato,
b) al Signor Dirigente dell’Ufficio Legale di recuperare le spese legali che l’ente ha sostenuto per difendersi nei vari stati di giudizio ed in quello emarginato nonchè di accertare se l’assessore aveva indicato la sussistenza della sopradetta causa di incompatibilità.
c) al Dirigente Ufficio finanziario per gli atti di sua competenza.
Seguono le firme di sette consiglieri: Maisano, Alesci, Mellina, Marano, Andaloro, Bagli e A. Capone.