Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Incendio alla Raffineria

Milazzo: Incendio alla Raffineria

Incendio 2Emergenza, dalle ore 00.50 di sabato 27 settembre 2014, come mostrano le immagini.
Notizie in continuo aggiornamento.
AGGIORNAMENTO DELLE 6,50 di sabato 27/9/2014
– Chiesto intervento Arpa e disposta chiusura scuole (dal sito del Comune di Milazzo):
Il sindaco Carmelo Pino ha allertato l’Arpa richiedendo l’immediato intervento a Milazzo al fine di verificare la situazione legata ai fumi sprigionatisi dall’incendio in Raffineria.
Il sindaco altresì, verificato che nel corso della notte molte famiglie di Milazzo e dell’intero hinterland della Valle del Mela hanno trascorso parecchie ore fuori casa, al fine di consentire un rientro all’interno delle abitazioni e per evitare ingorghi stradali e altri disagi, ha disposto la chiusura per la giornata odierna delle scuole cittadine di ogni ordine e grado.
– Admo Sezione Milazzo (dalla pagina Facebook)
ADMO MILAZZO, DI CONCERTO CON ADMO REGIONE SICILIA HA DECISO DI * *** A N N U L L A R E *** * L’EVENTO “EHI TU ! HAI MIDOLLO ? ” IN PROGRAMMA PER MILAZZO OGGI, AVENDO SEMPRE A CUORE LA SALUTE DI TUTTI (NOI LOTTIAMO PER SCONFIGGERE LE LEUCEMIE E LE ALTRE MALATTIE DEL SANGUE !)
Incendio– sabato 27 settembre 2014 – AGGIORNAMENTO DELLE 6,25
(dall’Ufficio Stampa del Comune di Milazzo)
Continua l’azione di monitoraggio dell’incendio sviluppatosi all’interno della Raffineria nell’area serbatoi e che ha interessato in particolare il serbatoio n. 513. Le fiamme continuano ad essere alimentate dalla benzina che si trova all’interno della grande cisterna.
Sul posto i vigili del fuoco di Milazzo e di Messina e il personale della squadra antincendio della Ram valutano costantemente l’evolversi della situazione. Nella fascia tirrenica è ben visibile una nube di fumo che comunque, allo stato attuale, non ha causato conseguenze per la salute pubblica. L’ospedale di Milazzo, immediatamente allertato della situazione di pericolo, non segnala al C.O.C. del Comune alcun ricovero o prestazione di pronto soccorso ai cittadini.
– Emergenza in Raffineria
Comunicato servizio newsletter del sito della Raffineria di Milazzo S.C.p.A., del 27/09/2014 03:15
E’ in corso un’emergenza in raffineria.
Intorno alle 00.50 sono divampate fiamme sul tetto di un serbatoio contenente benzina. Il serbatoio si trova in zona periferica distante dagli impianti di produzione. Sul posto stanno lavorando la Squadra di Emergenza di raffineria insieme con le Squadre dei Vigili del Fuoco di Milazzo e di Messina. Sono state immediatamente avvertite la Prefettura di Messina e le Autorità locali.
Non si registrano feriti. Si sta lavorando per circoscrivere le fiamme al serbatoio interessato. In ogni caso le fiamme potranno durare alcune ore, fino ad esaurimento del prodotto.
Incendio in corso alla Raffineria
(Fonte Ufficio Stampa Comune di Milazzo, ore 2,30 di sabato 27/9/2014)
Un incendio si è sviluppato intorno all’una all’interno della Raffineria. Le fiamme si sarebbero sviluppate – secondo quanto emerso sino a questo momento – all’interno del parco serbatoi interessando un serbatoio, il 513. Immediato l’intervento della locale squadra antincendio e dei vigili del fuoco di Milazzo e di Messina, ma sino a questo momento – sono le 2 – il rogo non è stato domato. Occorre attendere che si cons…umi il prodotto presente all’interno del serbatoio
Diverse persone si sono riversate in strada temendo il rischio esplosioni. Al Comune si è immediatamente insediato il Coc – Centro operativo comunale). E’ presente il sindaco Pino assieme agli assessori Midili, Romagnolo e Gitto, il dirigente responsabile della Protezione Civile, il comandante dei vigili urbani e funzionari comunali. Presenti i vertici delle forze dell’ordine: il dirigente del Commissario di Ps, il comandante della Compagnia dei Carabinieri e il comandante della Guardia di Finanza. Continuo il contatto con la prefettura di Messina.
Dalle ultime informazioni assunte alla Prefettura e presso la Raffineria è emerso che la situazione non è allarmante e che non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione.
Si raccomanda pertanto di non abbandonare le proprie abitazioni anche al fine di non determinare flussi di traffico con possibili intasamento delle strade interessate dall’intervento dei mezzi di soccorso.
In atto – sono le 2,30 non si registrerebbero feriti.