Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Il Consiglio Comunale approva una delibera e quattro mozioni. Aumenta la tassa sui rifiuti. Sei comunicati

Milazzo: Il Consiglio Comunale approva una delibera e quattro mozioni. Aumenta la tassa sui rifiuti. Sei comunicati

Nel link, https://www.youtube.com/watch?v=BgGRa-GPW0k
la registrazione della seduta del Consiglio comunale di giovedì 27 agosto 2015, ore 19,30, trasmessa in diretta streaming, dal sito del Comune di Milazzo, attraverso You Tube.
La convocazione riguardava la trattazione dei seguenti punti all’ordine del giorno:
– Approvazione tariffe per la tassa rifiuti (Tari) anno 2015.
– Mozione richiesta di rideterminazione da parte della G. M. della retta mensile graduata in fasce 4di reddito ISEE
– Mozione relativa ad iniziative di carattere politico-istituzionale volte alla salvaguardia, nonché al potenziamento del Presidio Ospedaliero di Milazzo
– Mozione relativa all’istituzione del registro dei tumori
– Mozione relativa alla “Riqualificazione e rifunzionalizzazione della rete ospedaliera e territoriale della Regione Siciliana – ruolo dell’Ospedale di Milazzo – decreto Ass. reg. della salute n. 6/2015
Il Consiglio comunaleDSCN0018 approva le nuove tariffe sui rifiuti
Con 18 voti favorevoli e  9 contrari il Consiglio comunale ha esitato il  Piano Finanziario per la gestione dei rifiuti e della TARI per l’annualità 2015. Maggioranza dunque compatta e opposizione che ha mantenuto la propria posizione di contrarietà ritenendo l’aumento un vero e proprio salasso per i cittadini.
Eloquente in tal senso il commento del capogruppo di “Milazzo Futura”, Pippo Midili, condiviso poi dal capogruppo di “Città attiva”, Franco Russo. “L’Amministrazione e la maggioranza del consiglio comunale in un sol colpo è riuscita – nonostante si potesse fare diversamente – ad aumentare in maniera indiscriminata il costo della Tari per alcune fasce di oltre l'80 %.  Una delibera a mio giudizio illegittima e per la quale darò il mio personale contributo, insieme ai colleghi dell'opposizione, per predisporre i ricorsi per evitare un vero e proprio massacro delle tasche dei milazzesi”.
Il riferimento di Midili era ad un suo emendamento bocciato dall’Aula che prevedeva un abbattimento dei costi. Di diverso avviso la maggioranza che sulla base anche dei riscontri contabili forniti dall’ufficio ha evidenziato che non c’erano altre ipotesi e che comunque da subito ci si metterà al lavoro per attuare un serio piano dei rifiuti che preveda la raccolta differenziata porta a porta al fine di ridurre in maniera considerevole il quantitativo di rifiuti da conferire in discarica, nella considerazione che la parte umida ne rappresenta più del 40% e che non essendo differenziata viene conferita in discarica con notevole aggravio per il bilancio comunale e quindi per le tasche dei cittadini.
In apertura di seduta, presieduta dal presidente Gianfranco Nastasi coadiuvato dalla neo segretaria dottoressa Evelina Riva, il sindaco Formica ha proposto – attraverso un emendamento – la rateizzazione del pagamento della Tari per quest’anno in tre rate: 30 ottobre, 30 novembre e 30 dicembre. La proposta è stata approvata a maggioranza. Quindi le dichiarazioni di voto.
Posizione contraria oltre ai due gruppi espressione dell’ex sindaco Pino, anche da parte del consigliere Simone Magistri, che ha rilevato “l’aumento indiscriminato delle tariffe sui rifiuti, a fronte di una riduzione della capacità contributiva da parte dei cittadini e senza una equa redistribuzione basata sulle categorie che avrebbero diritto a un’esenzione” e dell’Udc, che attraverso Rosario Piraino ha ribadito il “no” a qualunque proposta che aumenti l’onere contributivo a carico dei cittadini, comunicando che il gruppo consiliare sta preparando una mozione per rivedere tutte le aliquote dopo l’annullamento del dissesto.
(Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato n.327 del 28/8/2015)
L’Aula approva due mozioni sugli asili e sull’ospedale
Il Consiglio comunaleImage0077 ha anche approvato la mozione presentata dalla consigliere dell’Udc, Maria Magliarditi relativa alla rideterminazione della retta mensile degli Asili nidi comunali, finalizzata a ridare competitività alle strutture comunali che negli anni hanno subito un notevole calo di iscrizioni in quanto le famiglie, visti i costi hanno optato per gli asili privati.
Diversi gli interventi, con l’assessore ai Servizi Sociali, Giovanni Di Bella () che ha riferito delle azioni intraprese dall’Amministrazione per modificare le impostazioni degli Asili: dall’aumento delle ore di accoglienza  a un 10% di iscrizioni gratuite per le famiglie bisognose, dalla mensa gratuita ai nuovi arredi e all’insegnamento dell’inglese fino al progetto di realizzazione di un nuovo asilo pubblico in centro. ”Siamo contenti della vostra sensibilità” ha dichiarato Di Bella “che è anche la nostra perché vogliamo creare una sinergia con delle tariffe che saranno prese in considerazione”.
“Sono felice che il gruppo Udc abbia fatto proprio il punto del nostro programma elettorale “ ha poi aggiunto il sindaco Formica -. Bisogna prima di tutto considerare la natura e i destinatari degli Asili nidi, ragioni per le quali credo che un intervento sulle tariffe che renda possibile l’accesso alle famiglie con maggiori difficoltà sia assolutamente necessario. Sono felicissimo che questo argomento diventi un patrimonio comune del consiglio comunale".
A seguire i consiglieri hanno approvato anche la mozione integrata presentata dai consiglieri Simone Magistri e Stefania Quattrocchi sull’ospedale di Milazzo.
Magistri ha illustrato i contenuti della sua proposta ribadendo “l’illegittimità dell’azione portata avanti dall’Asp, volta a trasferire il reparto di pneumologia e medicina presso la sede barcellonese del “Cutroni-Zodda” a fronte di un decreto di programmazione, che prevede invece un incremento dei posti letto per la struttura sanitaria cittadina”. Le forze politiche hanno chiesto al Sindaco di intervenire nelle sedi opportune per dare corretta e puntuale attuazione delle disposizioni contenute nel piano di riqualificazione e rifunzionalizzazione della rete ospedaliera e territoriale della Regione Siciliana.
(Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato n.328 del 28/8/2015)
Utilizzo lavoratori comparto rifiuti, nota del sindaco
Il sindaco Formica ha comungiovanni scrivania sidacoicato ai sindacati che l’Amministrazione desidera che tutti i lavoratori che dalla Dusty transiteranno nelle nuove ditte Caruter e Multiecoplast dovranno operare direttamente in strada per assicurare un servizio ottimale, migliore di quello sin qui offerto dalla Dusty.
Il primo cittadino ha inviato una nota all’ufficio comunale che si occupa di igiene ribadendo “la volontà di impiegare tutti nel servizio di pulizia della città. Quelle sette figure – si legge – non sono funzionali ad una gestione che risponda alle esigenze effettive del servizio  e pertanto vanno impiegate in modo diverso. Qualora ciò non fosse possibile l’Amministrazione si riserva di operare una nuova valutazione sulla quantità degli operatori da utilizzare, rivedendola ovviamente al ribasso”. Come dire, sarà chiesto a Caruter e Multiecoplast di utilizzare meno dipendenti perché le somme che saranno mensilmente versate saranno inferiori.
( Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato n.326 del 27/8/2015)
Approvazione Tari, nota del gruppo PDR
Il gruppo consiliare PDR di Milazzo ha espresso con una nota la propria posizione in merito alla TARI, la tassa sui rifiuti discussa nella serata di ieri e approvata a maggioranza.
Nel documento i consiglieri facenti capo al gruppo politico hanno fatto appello al “senso civico dei milazzesi per impegnarsi nelle operazioni di raccolta differenziata, favorendo così il processo di compostaggio e riciclaggio dei rifiuti e quindi il minor conferimento di materiale da portare in discarica. Un’azione fondamentale per la diminuzione dell’importo di gestione e smaltimento della spazzatura”.
Il gruppo del Pdr ha poi proposto l’istituzione di un Fondo di solidarietà per cittadini svantaggiati e le attività commerciali, “misure per le quali auspicano un interesse massimo da parte dell’Amministrazione, posto che al momento non ravvisano soluzioni alternative che possano comprendere un intervento economico comunale”.
(Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato n.329 del 28/8/2015)
Approvazione Tari, nota del consigliere Midili
Midili 3 - CopiaDopo l’approvazione della Tari da parte della maggioranza consiliare, il consigliere Pippo Midili ( nella foto) ha diramato la seguente nota:
“Un aumento delle tariffe indiscriminato e che tende a massacrare l'economia cittadina fortemente voluto dal Sindaco Formica e dalla sua maggioranza. I tentativi di mascherare questi aumenti con il conferimento in discarica a Catania e con una bassa percentuale di raccolta differenziata sono un inutile modo  di nascondere la vera natura di questa amministrazione priva di idee ed iniziative.
Ci sarebbero stati modi e metodi, alcuni dei quali previsti dallo stesso regolamento comunale, per attenuare il lievitare dei costi ma un'amministrazione ottusa e silente di fronte alle richieste avanzate dall'opposizione ha preferito fare finta di nulla e colpire le tasche dei cittadini con la complicità di 18 consiglieri comunali che non hanno fatto neanche la fatica di alzarsi dallo scranno visto che per votare l'aumento delle tariffe sono dovuti rimanere silenziosi e seduti.
In maniera iniqua, e quindi in modo non conforme alla normativa, oltre tremila milazzesi riceveranno un aumento del 103%, oltre settemila un aumento dell'88%, oltre ottomila un aumento del 93%, gli altri undicimila un aumento medio del 63%. Come si sia arrivati a tale suddivisione dei costi resta un mistero per tutti.
Né giustifica il fatto che il Comune di Milazzo abbia una differenziata al 5%. A regime completo il sistema integrato con isole ecologiche porterebbe ad una percentuale che, nella migliore delle ipotesi, e per stessa ammissione degli uffici tecnici, non raggiungerà mai più del 10/12% ( e non del 15 % come in maniera falsa viene riportato nel piano finanziario approvato dalla maggioranza), con un risparmio di appena 400 mila euro.
Per ottenere questo risparmio l'Amministrazione Formica ha affidato il servizio ad un costo di appena 400 mila euro in più ( per quattro mesi) rispetto a prima.
Nessun risparmio quindi ma un aggravio di costi ulteriori. Per chi e per cosa?. Gradiremmo una risposta dal Sindaco e dai suoi consiglieri. Non basta un sorriso amaro ed una democrazia bulgara per fare ciò che si vuole quando a pagare sono i milazzesi. le promesse di ridurre le tasse dove sono Signor Sindaco?. Lei oggi non ha più neanche il dissesto finanziario , proprio come voleva, ma invece di diminuire le tasse, le  aumenta e di tantissimo partendo proprio da quelli che lei ama definire " ultimi".
Vuole un esempio?. Un  pensionato con appena 800 € di pensione pagava lo scorso anno di rifiuti 99 euro, con la sua amministrazione ne pagherà 204. Una famiglia di tre persone ne pagava 174 ed oggi ne pagherà 325. Non ha voluto intaccare il tesoretto che metterà da parte e che vedremo a cosa le servirà. Disconosciuto il regolamento comunale che impone di pagare alcune parti dei costi a carico delle entrate del bilancio del Comune. No, Lei e la sua maggioranza vi siete ostinati a far pagare tutto ai cittadini.
Alla luce di quanto sopra riteniamo che le bollette che andrete a stampare nelle prossime settimane potrebbe risultare carta straccia alla luce della mancanza di equità fiscali e del dispregio del regolamento comunale. Si profilano valanghe di ricorsi e di questo dovrete assumervi la responsabilità. Ne prendano coscienza anche i 17 consiglieri della sua maggioranza ed il consigliere del gruppo misto. Questo ultimo dopo avere dichiarato nelle precedenti sedute di essere contrario all'aumento delle tariffe, si è aggregato nel silenzio ed ha votato a favore . Non basta parlare di trasparenza e legalità , ne fare richiami alla coscienza civile dei cittadini ( i consiglieri del PDR sono commoventi nella loro ingenuità politica che professano mentre con il voto in aula affossano la città). Sarà scontro duro. A difesa dei cittadini e nel rispetto delle regole democratiche del confronto che è ben altro rispetto a quello messo in atto dall'Amministrazione comunale e dai fidi consiglieri di maggioranza.  
(Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato n.335 del 29/8/2015)
Approvazione Tari, nota dell’Udc
Udc Sicilia - MilazziDopo l’approvazione della Tari da parte della maggioranza consiliare, la consigliera Maria Magliarditi ha diramato la seguente nota:
“Il gruppo consiliare dell'UDC precisa,  a correzione di qualche notizia giornalistica, che oltre che ribadire un "no" puntuale ad ogni forma di aumento degli oneri a carico dei cittadini delle tariffe Tari per il 2015 ha evidenziato,  fin dalla seduta del Consiglio comunale del  10/08/15, la necessità di trovare alternative alla gestione dei rifiuti (aumento della raccolta differenziata), necessità che ha ribadito con forza e priorità nella seduta del 27/08/15 nella quale la maggioranza consiliare che fa capo al sindaco ha votato l'aumento indiscriminato della Tari.
È  bene  precisare infatti che la maggioranza non ha fatto nessuna dichiarazione di voto mentre l'UDC tramite Piraino ha più volte ribadito la necessità di partire con il metodo della raccolta rifiuti porta a porta in quanto solo attraverso la differenziazione dell'umido dagli altri rifiuti si può ridurre il costo della  tari di circa il 60%. Tesi che è stata condivisa dal palazzo municipale tramite i responsabili del settore. Quanto detto è facilmente riscontrabile basta ascoltare i consigli comunali on line”.
(Comune di Milazzo – Ufficio Stampa – Comunicato n.336 del 29/8/2015)