Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Depuratore, arriva l’autorizzazione della Regione

Milazzo: Depuratore, arriva l’autorizzazione della Regione

depuratoreComune di Milazzo – Comunicato Stampa nr. 117 del 24/4/2013.
Il Dipartimento regionale acqua e rifiuti, con decreto del dirigente generale Marco Lupo ha concesso l’autorizzazione allo scarico dell’impianto di depurazione di contrada Fossazzo nel mar Tirreno tramite la condotta sottomarina di allontanamento delle acque reflue depurate in uscita dall’impianto stesso. Il provvedimento colma una lacuna che si trascinava dal 2003 e che ha determinato nel tempo diverse sanzioni a carico del Comune da parte degli enti di controllo.
L’Ente dopo aver completato le opere di ristrutturazione e di adeguamento dell’impianto ha trasmesso tutta la documentazione prevista a conclusione di una istruttoria particolarmente lunga e complessa che ha impegnato gli uffici e l’assessorato regionale a sua volta effettuate le verifiche ha rilasciato l’autorizzazione allo scarico subordinandola al rispetto di alcune prescrizioni tecniche finalizzate al rispetto dei parametri di legge.
Tra le prescrizioni dell’autorizzazioni che avrà durata quadriennale anche la realizzazione di una barriera vegetale con alberi di alto fusto sia per limitare la diffusione di microorganismi patogeni che per motivi estetico-paesaggistici. Intervento che il Comune ha già attuato e che dovrà comunque essere oggetto di manutenzione.
Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Pino e dall’assessore ai Lavori Pubblici, Santi Romagnolo i quali hanno evidenziato come tale adempimento rappresenti un altro decisivo passo in avanti per la regolarizzazione di un impianto che adesso rientra a pieno titolo in tutti i parametri normativi.
Il depuratore al momento è sottoposto a regolare manutenzione e gli uffici comunali del servizio idrico integrato stanno procedendo periodicamente anche al monitoraggio dei reflui per verificare il rispetto dei parametri. L’ultimo report risalente all’inizio del mese ha confermato che i valori sono nella norma. Il prossimo controllo avverrà nella prima decade di maggio.
L’Ufficio Stampa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.