Non perdere...
Home / Comunicati / Milazzo: Assegnati i lotti al cimitero per la costruzione di loculi

Milazzo: Assegnati i lotti al cimitero per la costruzione di loculi

cimitero MilazzoLe aree disponibili all’interno del cimitero comunale sono sempre di meno, molte concessioni rilasciate da tempo erano state tenuta in stand by dai beneficiari e così l’Amministrazione ha deciso di mettere a bando i lotti disponibili, compresi quelli revocati a precedenti concessionari, attraverso una vera e propria gara con offerte a rialzo. A conclusione di tale procedura, le sette aree disponibili, ciascuna pari a 22 metri quadrati di superficie, sono andate ad altrettanti cittadini che hanno ottenuto il miglior punteggio tra tutti coloro che hanno partecipato al bando.
Adesso si sta procedendo alla redazione dei contratti ma nel frattempo, anche per la crisi economica molti dei beneficiari hanno deciso di non aderire e quindi la graduatoria – le istanze presentate sono state 34 – continua a scorrere. Il bando prevedeva offerte a rialzo rispetto alla base d’asta fissata dal Comune in 9.940,50 euro, sulla base di un valore di 450 euro al mq, ma c’è stato chi, pur di aggiudicarsi il terreno che ha offerto un rialzo di ben 21 mila euro rispetto alla base d’asta.
Il lotto – che prevede la possibilità di costruire un massimo di 8 loculi per ogni edicola – è costato quindi oltre 30 mila euro. In fase di realizzazione delle edicole dovranno rispettarsi tutte le condizioni e le prescrizioni del regolamento edilizio e di polizia mortuaria. I concessionari dovranno presentare entro sei mesi dalla stipula del contratto con gli uffici comunali, il progetto esecutivo delle opere da realizzare e l’ultimazione delle stesse dovrà avvenire entro trenta mesi. Una clausola questa che vuole evitare il ripetersi di quanto accaduto in passato e che è venuto fuori nei mesi scorsi a seguito del monitoraggio effettuato dal servizio Patrimonio del Comune sulle concessioni a suo tempo rilasciate e alla successiva decisione di deliberare la decadenza di quelle cui non è stata data attuazione con la costruzione delle cappelle o delle edicole nel termini fissati dal Regolamento comunale (6 o 10 anni).
Comune di Milazzo Ufficio Stampa
Comunicato n. 293 del 19/6/2014.