Non perdere...
Home / Spettacoli / Milazzo: Appuntamento al Liga, dall’11 al 14 marzo 2016

Milazzo: Appuntamento al Liga, dall’11 al 14 marzo 2016

 

Appuntamento al Liga, da venerdì  11 marzo a lunedì 14 marzo  2016
 Nella settimana cinematografica che sta per iniziare  il Liga propone la visione dei film The Danish Girl e Kung fu Panda 3 in anteprima 2 d, secondo il programma che segue:
– venerdì 11 marzo 18.00 – 20.00 – 22.00 The Danish Girl
sabato 12 e domenica 13 marzo 16.00 – 18.00 Kung Fu Panda 3, 20.00 22.00 The Danish Girl
lunedì 14 marzo 18.00- 20.00 -22.00 The Danish Girl
di Lorena Lo Presti

Kung Fu Panda 3  film 1

Data uscita: 17 marzo 2016

Genere: animazione

Regia: Alessandro Carloni e Jennifer Yuh

Durata:  95 minuti

Formato: 2d

Kung Fu Panda 3, sequel del film del 2011 Kung Fu Panda 2, è un film di animazione prodotto dalla Dreamworks Animation e diretto da Jennifer Yuth e Alessandro Carloni.
La trama del film inizia con il ricongiungimento di Po con il papà adottivo  Li, che non vedeva da molto tempo. Dopo essersi riabbracciati i due si recheranno in un villaggio segreto dei panda, una sorta di paradiso, in cui incontreranno diversi personaggi bizzarri ed esilaranti. Purtroppo i lieti eventi dureranno troppo poco, la minaccia è alle porte
ed ha un nome. Kai, infatti, potente spirito maligno ha deciso di terrorizzare l’intero territorio cinese sconfiggendo tutti i maestri di kung-fu del paese e trasformandoli in una vera e propria squadra di combattimento.
Impossibile non notare il nome dell’italiano Alessandro Carloni nel ruolo di co-regista, a fianco di Jennifer Yuth, regista solitaria del secondo capitolo del 2011.
Il film diverte grandi e piccini, pur senza nascondere significativi messaggi sociali o psicologici, come ci avevano abituato altri film di animazione come Inside Out. Ciononostante azzeccatissima appare la scelta dei personaggi, davvero esilaranti, che creano una forte empatia con lo spettatore.  Atteso dai fan di tutto il mondo , gli spettatori del Cinema Liga di Milazzo potranno assistere alle vicende del panda più famoso del mondo, con ben cinque giorni di anticipo, seppur nel formato 2d.

The Danish Girl The Banish Girl

Data uscita: 18 febbraio 2016
Genere: drammatico, biografico
Regia: Tom Hooper
Durata:  120 minuti

The Danish Girl è un film diretto da Tom Hooper, ed è l’ adattamento cinematografico del romanzo scritto nel 2000 da David Ebershoff. Il film ha collezionato quattro nomination agli oscar, conquistando una sola statuetta con Alicia Vikander nel ruolo di miglior attrice non protagonista.
Al centro della vicenda troviamo il personaggio di Einar Wegener, che un giorno viene  ritratto in un dipinto della moglie, l’ artista danese Gerda Wegener, vestito da donna. Questo evento non passa inosservato nella vita del protagonista, che pian piano inizia a sentirsi diverso.  Così, sempre più attratto dall’universo femminile, lascerà lo spazio a Lili Elbe, la donna che sta crescendo dentro di lui  e che Einar percepisce come un’entità separata. Nella totale durata della sua “trasformazione” Einar potrà comunque contare sull’appoggio della moglie. Purtroppo nella Copenaghen degli anni 20 i tempi erano ancora acerbi per poter accettare una trasformazione
di tale entità, proprio per questo il protagonista fuggirà dalla medicina del suo tempo che voleva internarlo o dichiararlo schizofrenico, rifugiandosi nella chirurgia sperimentale, grazie a cui per la prima volta nel mondo un uomo si sottoporrà ad un intervento per cambio di sesso.
Il regista Tom Hooper per la seconda volta affronta un tema molto delicato, riguardante l’esplorazione di un corpo “inceppato”. Nel Discorso del Re tale blocco interessava la parola , mentre in The Danish Girl interessa
il corpo nella sua totalità, contenente un’anima che lo rigetta. Bravissimo l’attore protagonista, l’inglese  Eddie Redmayne ad interpretare un personaggio profondamente scosso al suo interno; per lui nomination agli oscar 2016 come miglior attore protagonista ma non la vittoria, conquistata dal Di Caprio di Revenant. Le altre due nomination del film riguardavano la migliore scenografia e i migliori costumi.