Non perdere...
Home / Di tutto un pò / Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 7 al 10 dicembre 2018

Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 7 al 10 dicembre 2018

APPUNTAMENTO AL LIGA
Da venerdì 07 dicembre a lunedì 10 dicembre il Liga propone la visione del film Bohemian Rhapsody  (17.00 – 19.30 -22.00. Martedì 11 dicembre il cinema resterà chiuso. Solo mercoledì 12 dicembre verrà proiettato il film  Il destino dei due uomini (18.00-20.00-22.00)
di Lorena Lo Presti

  
Data uscita: 29 novembre 2018
Genere: biografico, drammatico, musicale
Regia: Bryan Singer
Durata:  134 minuti

Il film racconta la storia dei Queen e del loro cantante Freddie Mercury, come tutto ebbe inizio, la scalata al successo fino al concerto del 1985 Live Aid, una delle performance più acclamate a livello mondiale.
La trama
Il film si apre sulle note di Somebody to love ed accompagna l’entrata in scena di Freddie Mercury, all’anagrafe Farrokh Bulsara.
Il film ricostruisce la sua vita, la passione innata per la musica che non riusciva a sfociare in una professione e poi l’incontro con il batterista Roger Taylor e il chitarrista Brian May, l’inizio di una carriera che porta al successo questo gruppo entrato nella leggenda con il nome Queen, fino al famosissimo concerto del 1985 e la morte giunta nel 1991 quando il frontman aveva appena 45 anni.
La recensione
Bohemian Rhapsody
racconta nel migliore dei modi possibile la storia di un gruppo che ha fatto la storia della musica nel mondo.
La possibilità di cadere in stereotipi era davvero alta, ma Bryan Singer si è saputo districare con eleganza e precisione nel racconto della storia dei Queen e del loro frontman: Freddy Mercury. La pellicola, che dura 2 ore e 10 minuti,  ad oggi ha ottenuto un clamoroso successo ai botteghini di tutto il mondo e continua ad attestarsi in cima alla classifica dei film più visti.
La vita del protagonista viene analizzata a tuttotondo non tralasciando la passione per i gatti, la malattia che gli ha portato via la vita, la scoperta della sua omosessualità, il pessimo rapporto con il manager Paul Prenter e i rapporti di amicizia costruiti. Questi aspetti salienti della sua vita conditi con i retroscena degli album più noti, creano qualcosa di magico. Viene raccontata infatti la difficile realizzazione di “A Night at the Opera”o l’esibizione al Madison Square Garden di “We will rock you”, pezzo concepito per far cantare gli spettatori, fino alla ricostruzione del Live Aid con i pezzi “Radio Ga Ga” e “We are the champions”.
Il film convince e commuove soprattutto perché come spesso accade, evidenzia quanto un uomo di grande successo, come il cantante dei Queen fosse il realtà solo, circondato esclusivamente da chi voleva sfruttare il suo successo.