Non perdere...
Home / Spettacoli / Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 25 al 30 Settembre 2015

Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 25 al 30 Settembre 2015

Appuntamento al Liga, da venerdì 25 a mercoledì 30 settembre 2015
di Lorena Lo Presti

Inside

Nella settimana cinematografica che sta per iniziare il Liga fa il bis e ripropone la visione di  Inside Out con tre spettacoli giornalieri (18.00-20.00-22.00) in 2d. Giovedì 01 ottobre chiusura settimanale.

Inside Out

Data uscita:  16 settembre 2015

Genere: animazionecommedia,

Regia: Pete Docter

Durata:  94 minuti

Inside out è un film d’animazione diretto da Pete Docter e distribuito dalla Walt Disney Pictures.
Il film narra cosa passi nella testa degli adolescenti nella fase più importante della loro vita; quella che segna il passaggio dall’universo dei bambini a quello dei ragazzi.
Sembra che il regista nel realizzare il soggetto di questo film, abbia tratto spunto da vicende personali. Lo stesso ha raccontato infatti nel corso di un’intervista, che la figlia sempre allegra e gioiosa, allo scattare degli 11 anni aveva improvvisamente subito un cambiamento, che la portava ad essere molto seria, a tratti triste e riflessiva, tanto che il padre si chiedeva che cosa mai potesse passarle per la testa.
Protagonista del film è, non a caso, una bambina di 11 anni di nome Riley, ragazzina allegra ed attiva. Quello che le farà improvvisamente perdere l’equilibrio sarà un trasloco, reso necessario per motivi  lavorativi dei genitori, che allontana l’adolescente dall’amato Minnesota, dagli amici di sempre e dalla passione per l’hockey.
Il suo senso di inadeguatezza nell’affrontare questa situazione, scaturisce dall’impreparazione che affrontano così come lei, anche  le emozioni che dominano la sua mente, emozioni che in questa pellicola prendono vita, quasi come fossero “i sette nani”. Esse sono : la gioia, motore del gruppo che mantiene tutti attivi e felici, la tristezza, intelligente e sempre previdente, il disgusto, molto protettivo, con grandi aspettative la rabbia continuamente in lotta con gli altri e la paura perennemente stressata. Il regista attraverso la storia ci fa comprendere  come essere preparati ad un cambiamento è  difficile ma spesso necessario, perché rappresenta l’unico modo per crescere.
Nel corso dell’adolescenza si affrontano cambiamenti radicali sia a livello fisico, che a livello emotivo; così il film, apparentemente indirizzato ai soli bambini, accompagna i genitori in un viaggio che mescolando risate e lacrime, permette loro di tornare bambini ed allo stesso di proiettarsi nel futuro e di capire cosa succeda nella mente dei ragazzini in quest’età tanto complicata.