Non perdere...
Home / Di tutto un pò / Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 19 al 23 maggio 2017

Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 19 al 23 maggio 2017

APPUNTAMENTO AL LIGA
Da venerdì 19 maggio 2017 a martedì 23 maggio 2017.

Nella settimana cinematografica che sta per  iniziare, il Liga propone la visione del film
Scappa- get Out 
(18.00 -20.00 -22.00)
di Lorena Lo Presti

Scappa- get Out

Data uscita: 18 maggio 2017

Genere: Thriller/ horror

Regia: Jordan Peele

Durata: 103 minuti

Approda  nelle sale cinematografiche Scappa- Get Out, thriller/horror scritto e diretto da Jordan Peele. Il film ha sbancato i botteghini americani ed ora si prepara ad essere accolto dal pubblico dello stivale.
La trama
Chris è un giovane afro americano che va insieme alla sua fidanzata Rose a conoscere la sua famiglia. I genitori della ragazza invitano subito la coppia a trascorrere con loro un intero fine settimana. L’atteggiamento accomodante dei genitori non è altro che una facciata, e Chris ben presto farà delle scoperte davvero inquietanti che lo porteranno ad una verità che non avrebbe mai potuto immaginare.
La recensione
Non è semplice descrivere e parlare del film di Jordan Peele. La confusione inizia già nel voler classificare il film. Horror o thriller?  Forse più il secondo considerato che il lungometraggio si sviluppa attraverso una tensione psicologica, sfiorando leggermente e solo nel finale i toni horror. Lo spettatore non assiste mai a scene esclusivamente horror, ma ci sono elementi che creano lo stesso tipo di tensione, tra cui la costruzione degli ambienti e le tecniche di ripresa. La crescente tensione prenderà anche una piega surreale attraverso l’ipnosi , che giocherà un ruolo fondamentale ed intrappolerà Chris in una diversa realtà.
Il regista affronta un interessante aspetto legato alla cultura afroamericana; il senso di sgomento e svuotamento della loro cultura che non viene accettata davvero dalla popolazione dominante, segnando la fine di un tipo di razzismo e la nascita di un altro.
Nel film viene evidenziato come le persone di colore  venivano trattate in passato, quando venivano usate come veri e propri schiavi. Tutto questo non viene raccontato a parole ma con delle significative immagini, con gli uomini di colore che appaiono posseduti da un’espressione vuota, con un notevole tremore e lacrime sul viso, che non riescono a dire nulla se non a manifestare anche solo con una semplice occhiata la loro estrema sofferenza.
di Lorena Lo Presti