Non perdere...
Home / Spettacoli / Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 13 a 18 gennaio 2017

Milazzo: Appuntamento al Liga, dal 13 a 18 gennaio 2017

 

APPUNTAMENTO AL LIGA

                    Da giovedì 13 gennaio 2017 a mercoledì 18 gennaio 2017

    Nella settimana cinematografica che sta per  iniziare, il Liga propone una doppia programmazione. Alle ore 16.0018.00- 20.00 verrà proiettato Sing in 2d mentre alle ore 22.00 sarà la volta di Assassin’s Creed.

di Lorena Lo Presti

Sing - Copia

Sing

Data uscita: 04 gennaio 2017

Genere: animazione, commedia, musicale

Regia: Garth Jennings

Durata:  110 minuti

Formato: 2d

 

Sing diretto da Garth Jennings è un film d’animazione in cui spiccano il perseguimento delle passioni nonché  delle inclinazioni dei personaggi.
La trama
Protagonista della storia Buster Moon un koala impresario che si trova in crisi  perché sta per  perdere il teatro che il padre aveva comprato per lui con i propri risparmi.
Per salvarlo organizzerà una gara musicale cercando dei talenti tra i dilettanti. I finalisti saranno: Johnny il gorilla che non vuole seguire le orme del padre criminale, Rosita la maialina ignorata dai familiari, Ash la porcospina appena lasciata dal fidanzato, Mike un cinico topo coroner e Meena una timida elefantessa.
Recensione
Dopo Pets, Sing è la seconda commedia di animazione in un anno prodotta da Illumination Entertainment. La pellicola di certo non può essere paragonata ad Oceania della Disney o a Zootropolis per vari motivi. Il budget del film è stato speso in maniera attenta, con ambienti ed illuminazioni piuttosto semplificate e effetti di animazione contenuti.
Quello che piace, sebbene non sia originalissima, è la storia che parla del riscatto dell’uomo medio, contornato da un ampio repertorio di musica.
Ognuno dei personaggi dovrà affrontare i propri blocchi emotivi e le difficoltà che la vita gli presenterà innanzi.
Insomma Sing è un compitino eseguito bene ma che non esalta, diverte, intima a credere più in se stessi ma non può di certo essere annoverato nell’olimpo dei film di animazione del periodo, né essere paragonato a successi della Disney o della Pixar ..

Sing

Assassin’s Creed

Data uscita: 04 gennaio 2017

Genere: azione, avventura, fantascienza

Regia: Justin Kurzel

Durata:  115 minuti

Formato: 3d

 

Assassin’s Creed è la trasposizione cinematografica del videogioco di successo sviluppato dalla Ubisoft. Grazie al lavoro del regista la storia apparirà allo spettatore non come un videogioco ma come un film di avventura più simile al Codice da Vinci, in cui fino alla fine non verrà svelato un importante segreto.
La trama
Il protagonista della storia è Callum Lynch un criminale entrato e uscito molte volte dalla prigione. Condannato a morte, mentre l’ago dell’iniezione letale è già stato inserito in vena, viene salvato da una dottoressa di una multinazionale chiamata Abstergo, dietro cui si cela il misterioso ordine dei templari. Questi  ultimi ritengono che Callum sia l’ultimo discendente di Aguilar de Nerha, un andaluso vissuto in Spagna nel XV secolo e vorrebbero fargli rivivere i propri ricordi ancestrali attraverso un macchinario chiamato Animus per dare la possibilità ai templari di mettersi sulle tracce della smarrita mela dell’Eden, reliquia in grado di controllare il libero arbitrio. Callum scoprirà di appartenere ad un’antica confraternita di assassini, in lotta proprio contro i templari per far si che nel mondo regnino giustizia e libertà.
Recensione
Trasportare un videogame e i suoi contenuti all’interno di una pellicola cinematografica non è un compito semplice. Dal videogioco il regista riprende la tematica ed i personaggi, la novità è che la linea narrativa viene intinta con il gioco e stravolgendo così la sceneggiatura tradizionale. La storia però seguendo le fila del videogame non è chiarissima per chi si appresta al primo incontro con Callum ; sono ben chiare le linee macroscopiche ma non i dettagli. Sono le azioni a coinvolgere il pubblico ed a parlare di sé. E’ proprio questo che arricchisce un film con delle potenzialità esagerate che con molta probabilità diventerà un cult nella cinematografia americana.