Non perdere...
Home / Di tutto un pò / Milazzo: Appuntamento al Liga, da venerdì 18 gennaio 2019

Milazzo: Appuntamento al Liga, da venerdì 18 gennaio 2019

APPUNTAMENTO AL LIGA
Da venerdì 18 gennaio il Liga propone una doppia programmazione: alle ore 16.00 e alle ore 18.00 sarà proiettato Mia e il leone bianco mentre alle ore 20.00 e alle 22.00 sarà la volta di Non ci resta che il crimine

di Lorena Lo Presti

Mia e il leone bianco
Data uscita: 17 gennaio 2019
Genere: drammatico, family
Regia:Gilles De Maistre
Durata: 98 minuti
Mia e il Leone Bianco è una favola moderna, che racconta la storia di una bellissima amicizia tra una ragazzina ed un leone.
La trama
Mia
si trasferisce con la famiglia in Africa ma inizia ad ambientarsi solo dopo aver conosciuto Charlie, raro cucciolo di leone bianco con cui stringe un rapporto molto profondo. Trascorsi tre anni ed essendo Mia divenuta un’adolescente, il padre decide di vendere il leone, scatenando la rabbia della figlia che per salvarlo inizia con lui un viaggio davvero avventuroso, con destinazione la riserva naturale di Timbevati, luogo in cui Charlie potrà vivere la sua vita in sicurezza.                    
La morale del film è quella di sensibilizzare il pubblico alla difesa della natura, ricordando che ognuno di noi può fare qualcosa per cambiare il mondo.
La recensione
L’elemento caratteristico della storia  di Mia e Il Leone Bianco è la veridicità delle riprese. Per poterle completare, infatti, il regista ha impiegato ben tre anni, scegliendo come protagonista un leone, ripreso nelle fasi della sua crescita, mai, nemmeno in un’immagine, sostituito da una riproduzione.
Per rendere possibile un tale rapporto di vicinanza tra la bambina ed il leone, i due sono stati accostati,  quando il felino era ancora in tenera età, facendo si che si creasse  un rapporto, che non rendesse pericolose le riprese. Durante il loro svolgimento soltanto la protagonista ed il felino si sono mossi in  libertà, mentre tutto il cast ha lavorato protetto all’interno delle gabbie.
Mia ed il Leone Bianco nasce dal progetto del regista e della moglie, vogliosi di lanciare un messaggio a difesa della natura e del nostro pianeta, che possa arrivare dalla narrazione di una storia che arrivi al cuore della gente.
Non ci resta che il crimine

Data uscita: 10 gennaio 2019
Genere: commedia
Regia: Massimiliano Bruno
Durata: 102 minuti
Non ci resta che il crimine è una commedia diretta da Massimiliano Bruno che omaggia il capolavoro interpretato diversi anni fa da Troisi e Benigni : Non ci resta che piangere.
La trama

Tre amici di vecchia data per cercare di dare una svolta alla propria vita, decidono di organizzare un tour criminale di Roma per far conoscere ai turisti  i teatri d’azione della nota Banda della Magliana. Si travestono così con abiti tipici: jeans a zampa, Ray-ban specchiati e giubbotti di pelle, certi che la loro idea frutterà parecchi quattrini.  Un imprevedibile scherzo del destino li farà però ritrovare nel 1982, ai tempi dei mondiali di Spagna che videro il trionfo della nostra nazione, a tu per tu con alcuni “veri” membri della Banda della Magliana, che al tempo si occupavano di scommesse sportive clandestine. Sebastiano, Moreno e Giuseppe dopo un’iniziale incertezza, decideranno di restare nel passato, mettendo a frutto le proprie conoscenze.
La recensione
Non ci resta che il crimine
è una commedia costruita con maestria, condita con riferimenti tipici degli anni in cui è stata ambientata, primo tra cui il titolo, che ricorda il grande successo di Benigni e Troisi: Non ci resta che piangere.
I riferimenti agli anni 80 sono arricchiti anche da molteplici elementi fantasy, regalando alla pellicola un’originalità degna di nota. Il risultato è un connubio di originalità e nostalgia, che può dirsi riuscito grazie alle interpretazioni degli attori principali:  Alessandro Gassman, Gianmarco Tognazzi,  Marco Giallini,  Edoardo Leo ed Ilenia Pastorelli, unico elemento femminile di un film tipicamente maschile.