Non perdere...
Home / Calcio / Lido Azzurro (Catania): la premiazione del memorial “Salvatore Boccaccio” di beach soccer

Lido Azzurro (Catania): la premiazione del memorial “Salvatore Boccaccio” di beach soccer

Una cerimonia sobria e goliardica ha caratterizzato la premiazione della 22ª edizione del memorial “Salvatore Boccaccio” di beach soccer svoltasi al lido Azzurro.
Un torneo equilibrato dove le squadre partecipanti non si sono risparmiate sotto un caldo sin troppo pungente. Ad aggiudicarselo è stata dopo 15 anni la formazione della New Squash di Vincenzo Gusmano ma onore alla Città del Vaticano di Alex Palma che nella finale ha dato del filo da torcere alla “corazzata” in completo giallo. 
Non meno protagoniste anche le altre squadre che hanno centrato la fase finale, l'Italia di Lizzio che si è piazzata al terzo posto e la Serbia di Giovanni Pirone.
Oltre al poker di squadre ci sono state come da tradizione altre premiazioni, alcune sempre toccanti come quella nel ricordo di Danilo Di Domenico, lo sfortunato diciassettenne che prese parte ad alcune edizione del Boccaccio e per una sorte avversa salito al cielo troppo presto. A consegnare il trofeo i genitori di Danilo, la signora Gabriella e papà Mimmo, quest'anno a fregiarsi del titolo di miglior giocatore è stato l'eclettico Giulio Nicolosi, “figlio d'arte” il padre Marcello è stato un giocatore di calcio doc.  Poi è stata la volta del cannoniere, con sorpresa ma con merito grazie alle 9 retei realizzate è stato La Spina dell' Italia, dulcisu in fundo la palma del miglior portiere a Luca Aiello della New Squash. A far gli onori di casa Danilo Mirone, ristoratore del caffè Bellini premiato con una targa. Altre sono state assegnate al dott. Domenico Ciancio, a Franco Grasso della Meridiana Città dello Sport, al lido Azzurro e al diesse della manifestazione Alfio Pappalardo.
Concludiamo con alcune note “stonate” un giocatore dell'ex Argentina e Polonia ha convinto alcuni giocatori a disertare la manifestazione, non riuscendone a capirne il motivo e dimostrando di avere poca personalità. Un giocatore della squadra vincitrice non ha condiviso la scelta del miglior giocatore, lasciandosi andare ad atteggiamenti da baby. Ci auguriamo che nella vita possa crescere e capire che prima di tutto bisogna saper accettare e soprattutto…maturare.

 Flavio Spirio  

NEW SQUASH (1^ CLASSIFICATA)

CITTA’ DEL VATICANO ( 2^ CLASSIFICATA)

ITALIA (3^ CLASSIFICATA)

PAOLO BOCCACCIO PREMIA DANILO MIRONE

I DI DOMENICO PREMIANO GIULIO NICOLOSI