Non perdere...
Home / Basket / Lega2Gold, Basket Barcellona: Le Parole di Alex Young

Lega2Gold, Basket Barcellona: Le Parole di Alex Young

Intervista YoungContinua il viaggio di approfondimento sul nuovo roster giallorosso. È il momento di parlare di un ragazzo giunto in Italia molto giovane, la cui prima stagione nel campionato di Legadue è stata turbolenta, alternando grandi numeri e grandi giocate ad un lungo periodo out per poi tornare a calcare i parquet della categoria.
Proveniente da Indiana, la casa di Larry Bird,con spalle una brillantissima carriera a livello liceale culminata nel 2008 con la chiamatanella prestigiosa Indiana All Star Team,con il numero 5 tatuato sulle spalle: Alex Young.
Aggiungiamo che prima di prendere il diploma e di scegliere il College, Alex riesce a farsi nominare MVP della Owens Andrew City-County All-Star Game.
La scelta del college cade su IUPUI (Indiana University – Purdue University – Indianapolis), piccolo college con sede a Indianapolis. Dopo il primo anno da freshman in cui viaggia su medie di “soli” 10.8 punti a partita e 3.5 rimbalzi, esplode in tutta la sua potenza dilagante assestandosi a 20 punti di media a partita per tre anni di filachiudendo la carriera al College con 2.286punti segnati.
Siamo andati da lui per conoscerlo meglio, soprattutto per capire le motivazioni che lo hanno spinto a sposare il progetto del Presidente Bonina.
Esordisce con un pensiero rivolto alla sua prima stagione in Italia “Il mio primo anno in Italia è stato abbastanza duro ma ho fatto tesoro di quello che mi è successo e del lavoro svolto.”
Poi rompe gli indugi e ci racconta qual è stata la motivazione principale che lo ha spinto a scegliere una piazza come Barcellona: “L’idea di giocare a Barcellona mi eccita, ho scelto questa società perché condividiamo lo stesso spirito competitivo.Il primo obiettivo è la serie A e sento che questa squadra e questa società mi daranno l’opportunità di contribuire a una stagione di successo, consapevole del fatto che da questa annata dipenderà il mio futuro.”.
Conclude spezzando una lancia nei confronti della tifoseria, spiegando il gesto da lui compiuto durante l’ultimo derby, non aveva niente di personale contro i tifosi, ma era semplicemente un gesto dettato dall’euforia, dall’entusiasmo e dalla bolgia che si era creata sugli spalti.
Il pubblico giallorosso che ha già “perdonato” Alex adesso spera di volare in alto con le sue schiacciate e le sue prodezze.
Barcellona, 29 agosto 2013
Ufficio stampa Basket Barcellona
Comunicato Ufficiale n.39