Non perdere...
Home / Comunicati / Cutroni Zodda, il M5S di Barcellona risponde alle critiche

Cutroni Zodda, il M5S di Barcellona risponde alle critiche

CutroniIl Movimento 5 Stelle Barcellona Pozzo di Gotto, a seguito dei gratuiti attacchi perpetrati in particolare contro il portavoce nazionale Alessio Villarosa in occasione del consiglio comunale del 15 novembre, espone quanto segue. In merito alle condizioni ed al destino dell’ospedale Cutroni Zodda (nella foto), il Movimento 5 Stelle ricorda di essere, ad oggi, l’unica forza politica ad avere presentato all’ARS un’interrogazione parlamentare, chiedendo al presidente Crocetta ed all’assessore Borsellino di voler fugare qualsiasi dubbio sulla paventata chiusura della struttura sanitaria. Il Movimento 5 Stelle ha dapprima raccolto i dati ufficiali forniti dall’ASP e, parallelamente, ha avviato un costante dialogo con il personale medico e paramedico prima di elaborare l’interrogazione, resa nota con comunicato stampa lo scorso otto agosto e di cui prima firmataria è stata la portavoce Valentina Zafarana. Nel testo presentato all’ARS il Movimento 5 Stelle ha evidenziato anche la possibilità che il Cutroni Zodda, a differenza dell’ospedale Fogliani di Milazzo, possa essere oggetto di ampliamento ed ammodernamento. A tal proposito, viene spontaneo chiedersi per quale motivo chi oggi si indigna per le parole del portavoce Villarosa, non si sia indignato con pari vigore durante la sua carriera ultraventennale di consigliere comunale dinanzi ad una struttura ospedaliera incompleta, nonostante i cospicui finanziamenti che a tal fine avrebbero potuto essere utilizzati. Il Movimento 5 Stelle ricorda anche di essere, ad oggi, l’unica forza politica ad avere chiesto di visitare ufficialmente il Cutroni Zodda ed il Fogliani, ottenendo un incontro con il commissario Magistri il quale, piaccia o no, è l’unico referente in grado di fornire dati e risposte ufficiali. Ciò, nonostante in consiglio comunale siano presenti esponenti di forze politiche (PdL, UdC, PD) che “vantano” rappresentanti nazionali, che mai si sono visti lungo i corridoi delle suddette strutture. Al di là della più becera demagogia che da qualche mese sta dando voce a chi si è reso, volontariamente o meno, complice di tanti disastri barcellonesi, gli attivisti del Movimento 5 Stelle rispondono che “erano” tra i comuni cittadini quando la classe politica distruggeva la città e tra i comuni cittadini sono ancora oggi, consapevoli che solo un impegno diretto e costante potrà restituire decenza alla politica cittadina. Riguardo la “mozione per salvare l’ospedale Cutroni Zodda” presentata all’amministrazione comunale, ci si chiede da chi o da cosa si debba salvare l’ospedale. Non era forse il caso di salvare in tempi precedenti il Cutroni Zodda dall’inerzia politica, quando tempi e mezzi lo avrebbero consentito? Tale mozione arricchisce il già tristemente corposo palmares degli atti fumosi e senza costrutto che la classe politica barcellonese utilizza per vendere meglio la propria immagine alla città e mascherare affannosamente le proprie responsabilità. Alla risibile accusa di essere “allineati con il regime” il Movimento 5 Stelle risponde solo esternando il proprio compiacimento per essere riuscito, come in ambito nazionale così in ambito barcellonese, a unire trasversalmente la vecchia politica che, carta d’identità alla mano, continua pure a fare proseliti, esposti loro malgrado a magre figure di incoerenza e mediocrità dialettica.
Movimento 5 Stelle Barcellona Pozzo di Gotto
Comunicato Stampa N. 25 del 15 novembre 2013