Non perdere...
Home / Comunicati / Circolo “Il Megafono” di Milazzo: Opere pubbliche, l’elenco delle priorità

Circolo “Il Megafono” di Milazzo: Opere pubbliche, l’elenco delle priorità

Mov CrocettaIl Circolo milazzese ” Il Megafono”, con questo comunicato, prende posizione sulla proposta di delibera comunale relativa al progetto sulla possibile realizzazione di una “scala mobile”, salita di via Mezzaluna (località Vaccarella), indicando che le priorità sono altre.
 “Collegamento pedonale meccanizzato… ma che vuol dire??.
Sull’argomento, scrivono: “Ormai questa Amministrazione diretta e coordinata dal nostro Sindaco Carmelo Pino, spadroneggia sul nostro territorio ponendo in atto progetti discutibili sul piano del vero interesse pubblico.
La proposta di delibera della G. M. n.25 del 04 sett. 2013 contiene il progetto di realizzazione di una scala mobile, loro la chiamano “ ..collegamento pedonale meccanizzato..”” che dovrebbe facilitare il passaggio di persone dalla contrada Vaccarella alla contrada Borgo. Il progetto è proposto e studiato dal nostro esperto Ass. lavori pubblici – Ing. S. Romagnolo,  per una spesa presunta di 2.380.000,00  euro per tutta l’opera .Noi del Circolo  “ Il Megafono”  pensiamo e riteniamo inopportuno affrontare simile sperpero di soldi pubblici, anzi diciamo meglio, sperpero dei nostri soldi, perché crediamo che dovremmo dare priorità alla realizzazione di opere  che, a nostro avviso, sono  prioritari  rispetto al progetto in questione.  Quali sono..?
– ad esempio. abbiamo l’ urgenza di  completare le strade che dovrebbero sfociare sulla Via Spiaggia di ponente e quindi dare sicurezza a tutti i cittadini milazzesi che abitano nel popoloso quartiere di San Giovanni.
Non a caso, se ricordiamo bene qualche anno fa, per un importante incendio sviluppatosi in una piccola traversa di Via Santi Recupero, gli abitanti di quelle Vie adiacenti hanno rischiato la vita proprio perché quel tratto di strada è senza uscita e non ha collegamenti per lo sbocco a Ponente. Allora, ci furono alcuni consiglieri comunali che hanno cavalcato l’evento ma solo per interessi elettorali, difatti, dopo l’accaduto, nessuno, proprio nessuno dei nostri amministratori  hanno mai  studiato e posto in essere risoluzioni per la Via Santi Recupero o per esempio per la Via Bonaccorsi che è quella strada, che dovrebbe essere aperta  intersecando la Via Spiaggia di Ponete.
Ora chiediamo all’ assessore Ing. S. Romagnolo, nonché figura esperta,  invece dare enfasi a idee megalomani, perché non propone una giusta e necessaria legittima soluzione del problema  sopra citato. Egli forse, non conosce il nostro territorio. Basti pensare che, nel periodo estivo, un abitante di San Giovanni è costretto a prendere l’auto, per recarsi sulla spiaggia di ponente con il disagio di dover percorrere, direzione Barcellona P.G. Via Maio Mariano, Via Turati Via spiaggia di ponente, direzione Pineta, per scendere sul tratto di spiaggia ponentino/ lido “ La Fenice..”
Ecco perché riteniamo che tale somma di denaro venga spese interamente per il completamento della Via Bonaccorsi, ( ricordiamo che c’era in atto un esproprio  dei terreni interessati che il cittadino come al solito non ha saputo più nulla)   o ancora meglio della Via S. Recupero, dove chi ha costruito, ci chiediamo ancora oggi  come hanno potuto realizzare il complesso abitativo “ Arcobaleno che , di fatto e con forza,  ha ostruito la strada  e quindi la libera circolazione anche pedonale,  impedendo la realizzazione e il congiungimento con la Via Orsa Maggiore, progetto questo previsto nel PRG.—
Risulta  dunque  di vitale importanza, da parte dell’ Assessore  nonché del Sig. Sindaco, pensare bene  prima di usare il nostro denaro… facciamo cose che servono alla collettività.. La scala mobile oltre ad essere un elemento di disturbo in una zona con vincoli storici, non serve a nessuno se non a qualche interesse personale…… Ci chiediamo, infatti,  a cosa può servire se non abbiamo un afflusso turistico adeguato e sufficiente a giustificare un’opera di tale portata, non perdendo di vista che le scalinate sono elemento caratterizzante di quel luogo. Perché degradarli..????”
Milazzo 24 ottobre 2013
Il Presidente Giuseppe CODRARO
I componenti la segreteria del Circolo Movimento Megafono
Sede di Milazzo – Via Maio Mariano