Non perdere...
Home / Calcio / Calcio, squadre in allestimento, “Te piace ‘o presepe”? Piace quello della Tirrenia di Giammoro

Calcio, squadre in allestimento, “Te piace ‘o presepe”? Piace quello della Tirrenia di Giammoro

Nel lontano 1931, debuttava a teatro la commedia "Natale in casa Cupiello" di Eduardo De Filippo, ricordata per la domanda, un vero tormentone, “Te piace 'o presepe”, che Luca ripeteva più volte al figlio Nennillo. Poi, quando Luca caccia da casa il figlio, lui conferma: "Ma il presepio non mi piace!" 
Il presepe di Eduardo, preso a metafora, rispecchia il momento che si attraversa nel calcio nostrano di questi giorni. Si legge, tutte belle squadre, costruite bene, spesso per non contrariare nessuno, poi le critiche, qualcuna, anche in corso d’opera. Compagine fatte e rifatte. Già, in qualche società è uscito fuori  il “Nellino” di turno, ancor prima d’incominciare. In altre “Case Cupiello”, il presepe piace, in altre si toglie un pastore, mettendone un altro, ma lasciando il gregge, ecc. ecc.
Dalla metafora alla realtà:
Titolo di Eccellenza del Real Rometta, saltato l’annunciato avvicendamento, inizia la corsa, nel tentativo di recuperare il tempo perduto e giungere ad una soluzione.
Da quello che si apprende, le strade possibile sarebbero due, già percorse in precedenza: il ritorno all’ultima trattativa, con un allargamento del gruppo guida, affiancando i soci dimissionario, oppure, tentare un secondo avvicamento con la Tirrenia, trovando un' alternativa ai problemi sorti in precedenza.
La Tirrenia conferma l’intenzione di chiedere il ripescaggio:
Circola sempre più insistentemente la voce che la società di Giammoro, presenterà  la domanda di ripescaggio per l’Eccellenza e le ragazze, molto probabilmente, disputeranno la serie C femminile di calcio a 11.
La squadra maschile, invece,  se dovesse disputare il torneo di Eccellenza, punterebbe su questi giocatori: Rasà, Dama, Venuti ed Alosi.
(Nella foto, la squadra della Tirrenia Calcio di Promozione).
Tanta carne al fuoco anche nella Virtus Milazzo, al vaglio delle proposte di partnership importanti, oltre all’ingresso di nuovi soci e collaboratori. La società, neo promossa nel prossimo campionato di Promozione, in queste settimane al centro di una importante campagna mediatica, senza chiudersi all’esterno, conferma quanto già comunicato:
“La Virtus Milazzo, nella programmazione della nuova stagione che vedrà la squadra impegnata nel campionato di Promozione, non ha mai posto come obiettivo il raggiungimento di una salvezza tranquilla, rinunciando a puntare ad un campionato di vertice. Compatibilmente con le risorse economiche a disposizione, per le quali la società si sta guardando intorno alla ricerca di eventuali nuovi sponsor, l’intenzione è quella di allestire un organico di tutto rispetto al fine di ben figurare nel prossimo campionato, consapevole di come Milazzo sia una piazza che merita di recitare un ruolo importante nel torneo di Promozione. Ed in quest’ottica la società sta lavorando alacremente per tentare di strutturarsi ancora meglio ed avere quella solidità anche economica che possa permetterle di affrontare la nuova stagione con rinnovate ambizioni."
Notizie dalla altre squadre:
Il  neo promosso Sporting Taormina avrebbe difficoltà a prendere parte al prossimo campionato di Promozione e se non dovessero esserci sviluppi, mette sul mercato il titolo sportivo.
Prima Categoria, Pro Mende di Santa Lucia del Mela
Campionato tranquillo per cenntrare la salvezza e valorizzare i vivaio locale.
(Nella foto, il tecnico Benedetto Granata ed il dirigente Francesco D'Amico).
A Milazzo, problemi anche per il settore giovanile. E' di questi giorni una polemica su alcune “chiamate”, il mercato di giovani calciatori, sollevato dal Michelangelo Picciolo con un post su Facebook. Il presidente del Gs Don Peppino Cutropia, torna sull’argomento e precisa: “Io sono dalla parte dei ragazzi solo questo. Fare sport per loro vuol dire trasmettere attraverso questa ATTIVITÀ "VALORI" ORMAI PERSI……”