Non perdere...
Home / Calcio / Calcio Sicilia: i risultati delle gare di mercoledì 29/11/2017. Coppa Italia di Eccellenza/Promozione e Coppa Sicilia

Calcio Sicilia: i risultati delle gare di mercoledì 29/11/2017. Coppa Italia di Eccellenza/Promozione e Coppa Sicilia

Mercoledì 29/11/2017, disputate le gare di  ritorno di coppa per le squadre di Eccellenza e Promozione, oltre a quelle di d'andata del 2^ turno di Coppa Sicilia di Prima categoria.

Coppa Italia di Eccellenza, ritorno dei quarti:
(andata 15/11/17- ritorno 29/11/17 ore 14:30)
Catania San Pio X- Città di Sant'Agata 1-1 (andata 1-5)
Mazara- C.U.S. Palermo  1-1 (5-4 dcr) (andata 1-1)
Parmonval-Licata  3-2 (andata 0-2)
Paternò Calcio– Città di Ragusa 4-2 ( andata 1-0)
Coppa Italia di Promozione, ritorno degli ottavi:
(andata 15/11/17 o- Ritorno 29/11/17 ore 14:30)
D. Bosco Partinico– Altofonte F.C. 2-0 (andata 1-1)
Floridia- Marina di Ragusa 1-3 (andata 0-4)
Geraci– Santangiolese 2-1 (andata 0-0)
Giardini Naxos- Misterbianco 0-1 (andata 0-2)
Libertas 2010– Campobello 3-1 (andata 1-2)
Lineri Misterbianco- Sporting Priolo 1-1  (andata 0-1)
Real Rometta– Terme Vigliatore 2-2 (andata 1-0)
Stefanese- Gangi sospesa (andata 2-2)

Coppa Sicilia (Prima Cat.) andata del 2^ turno:
(andata 29/11/17 – ritorno 13/12/17 ore 14:30)
Aci Catena Calcio 1973 – Mascalucia (ore 15,00) 0-0
CARA Mineo – Don Bosco 2000 1-1
Città di Carini – Balestrate 3-1
Due Torri Calcio Piraino – Umbertina 2-1
Nuova Azzurra – Aquila Bafia 0-0
Nuova Torrenovese – San Basilio 1-2
Pompei Messina – Virtus Milazzo 1-2
Real Campofelice – Nuova Acquedolci 0-1
San Leone – Città di Canicattini (il  06/12/17)
Sant'Anna – Albatros Fair Play  0-1
Santa Domenica Vittoria – Sporting Taormina 1-2
Virtus Ispica – Atletico Scicli 1-3

Coppa Sicilia (Prima Cat.) andata del 2^ turno, vittoria esterna della Virtus Milazzo, contro il Pompei Messina, campo Annunziata (nella foto)
Pompei Messina – Virtus Milazzo 1-2

 

Coppa Italia di Promozione, ritorno degli ottavi:
Real Rometta – Terme Vigliatore = 2 – 2 ( and. 1 – 0 )
Real Rometta: Di Dio, Antonuccio, Bonaffini ( 63’ Maisano ), Fleres, Boemi, Pergolizzi, Giordano, Morasca, La Spada, Sciliberto, Spadaro ( 52’ Sblandi ). A disp: Giunta, Privitera, Petralito, Stramandino, De Francesco. All: Giunta
Terme Vigliatore: Ficarra, Maisano, Triolo, Lanza, Scardino, Benenati, Crisafulli, D’Anna, Ricciardello, Genovese, Alizzi. A disp: Foti, La Macchia, Chiofalo, Spada, Maiorana, Li Donni, Bartuccio. All: Alizzi ( squalificato )
Arb: Comito di Messina
Ass: Chille’ e Trischitta di Messina
Reti: 45’ La Spada, 45’+3 Fleres, 62’ Genovese su rig., 68’ Benenati
Note: Al 56’ espulso Triolo per proteste
Il Real Rometta approda ai quarti di finale della Coppa Italia, grazie al pari interno contro un mai domo Terme Vigliatore che si sveglia nella ripresa, paradossalmente dopo essere rimasta in inferiorità numerica per l’espulsione di Triolo, contro un Real che specie nel primo tempo ha messo in difficoltà i più quotati avversari, andando nel finale di tempo avanti di due gol. La prima occasione da rete al 24’, calcio d’angolo dalla sinistra di Fleres, e deviazione sul secondo palo di Morasca che colpisce l’esterno della rete. Sul capovolgimento di fronte conclude Triolo, intercetta Di Dio. Al 39’ punizione dal vertice destro di Genovese, e colpo di testa in avvitamento di Alizzi, sfera a lato. Al 45’ il Real Rometta passa in vantaggio con Piero La Spada che di testa devia in rete, un suggerimento di Sciliberto, lo stesso La Spada qualche istante dopo si procura un calcio di rigore, sapientemente trasformato da Nico Fleres per il 2 – 0. Nella ripresa dopo undici minuti Terme Vigliatore in dieci uomini, che trova dopo sei minuti, la rete che riapre la contesa, D’Anna si procura un calcio di rigore, dagli undici metri freddo Genovese che supera Di Dio. Il Real Rometta subisce il contraccolpo e rischia di incassare il pari, che gli ospiti trovano con Benenati che sotto porta mette in fondo al sacco, dando nuove speranze ai suoi. Nella restante parte di gara comunque Real riesce a difendersi con ordine rischiando poco o nulla, conquistando alla fine una qualificazione che possiamo definire nell’arco dei 180 minuti, ampiamente meritata.
Francesco Costanzo