Non perdere...
Home / Calcio / Calcio: Milazzo 1937, dirigenti dissidenti ancora sull’Aventino

Calcio: Milazzo 1937, dirigenti dissidenti ancora sull’Aventino

Nel comunicato che segue, riportato integralmente, ed inviato da Nino La Rosa, spiegate le ragioni del recente disimpegno degli altri partner del vecchio gruppo guida del Milazzo 1937:
Il gruppo Patanè in ogni sua componente, comunica in via ufficiale e definitiva, di non far più parte della SS Milazzo.
La decisione molto sofferta è stata presa in seguito alla  riconferma, voluta dagli altri componenti del direttivo, del ds Benedetto Bottari da  Noi ritenuto il maggior responsabile del mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati a inizio anno (vedi esonero Alacqua e successive dimissioni Accetta).
Per quanto riguarda la trattativa con il sig. Cannistrà, il gruppo Patanè per il bene della Società " unico nostro scopo " era disponibile a cedere le proprie quote a costo zero ma per motivi a noi sconosciuti la trattativa non è andata a buon fine.
Era nostro desiderio a inizio programmazione, e si erano creati i presupposti, di formare una società composta dal maggior numero possibile di milazzesi ma, i restanti soci, non avevano le nostre stesse idee.
Comunque il gruppo Patanè augura al neopresidente Miroddi e a tutta la società di poter raggiungere quegli obiettivi per i quali noi ci siamo battuti e cioè riportare il Milazzo nelle categorie che merita.”

Comunicato del 4/8/2015