Non perdere...
Home / Calcio / Calcio: Il Gs Don Peppino Cutropia programma la nuova stagione. Picciolo, “occorre un confronto”

Calcio: Il Gs Don Peppino Cutropia programma la nuova stagione. Picciolo, “occorre un confronto”

Squadre di Eccellenza e Promozione già in ritiro, a breve toccherà anche alle formazioni delle altre categorie. Per la Terza, a breve inizierà l'attività sportiva del  Gs Don Peppino Cutropia, non solo per la squadra maggiore, che partecipa per il secondo anno consecutivo al torneo provinciale, organizzato dalla Delegazione Distrettuale della Lnd Messina.
Il presidente, Michelangelo Picciolo, che conosce bene la situazione del campo di località Ciantro, utilizzato sia per gli allenamenti, che per le gare ufficiali, mette le mani avanti, senza un confronto sull’utilizzo dell’impianto, qualcuno resterà fuori, ed aggiunge: “La mia non è una polemica contro le società. Ma penso che la programmazione vada fatto. Io sono per lo sport e per i giovani, ma se non ho gli spazi minimi, posso tranquillamente chiudere a discapito di tanti ragazzi. Non ho niente contro le altre società ma non mi sembra giusto, a pochi giorni del nostro ritiro sapere cosa fare. Un benvenuto alla nuova società, conosco qualcuno, vedo che è abbastanza organizzata e farà bene. Un augurio grosso ai ragazzi, anche al team ex Virtus, per me resteranno sempre Virtus per quello che hanno fatto negli ultimi anni e che vorranno fare. Sempre da presedente Don Peppino Cutropia, dico che la nostra è una bella realta' oratoriale, ben organizzata, con un settore giovanile abbastanza grande che opera, oltre che nei campi di calcio, anche nei "campi di vita quotidiana".
Tornando all’utilizzo degli spazi del Ciantro – prosegue Picciolo- “visto tra una settimana la prima squadra di Milazzo inizierà la preparazione e l'utilizzo del campo al Ciantro, il "Don Peppino Cutropia" , richiesto da tutte le società di Milazzo, è possibile avere un confronto ed esprimere ognuno le nostre esigenze per raggiungere quegli accordi necessari? Io credo e sono convinto che solo dietro un sano confronto tra le società e soprattutto con l’Amministrazione comunale, si possa raggiungere l'obbiettivo.
Le chiacchiere, come sono state fatte negli ultimi anni, non portano a niente, e meno male che fra noi operatori c’è  sempre stato buon feeling, altrimenti già da tempo avremmo scritto la parola "CLOSED" e non "SPORT".”