Non perdere...
Home / Calcio / Calcio, il Città di Milazzo consegna a Giò la “maglia rossa”

Calcio, il Città di Milazzo consegna a Giò la “maglia rossa”

PortieriIl Città di Milazzo è anche questo, consentire a tanti giovani di praticare il calcio, rendendoli felici, insime ai loro genitori, come nel caso del protagonista di questo racconto della “maglietta rossa”. Nella foto, l’allenamento dei tre portieri del club milazzese, tra loro il giovane Giò, nuovo tesserato del “Città”, tornato a giocare dopo un lungo infortunio. Sul  social network facebook, il commovente post del padre, di cui si riporta uno stralcio:  
Ecco, una storia vera: “La maglietta rossa”
“Proprio due anni fa ho tenuto stretta fra le mani una maglietta rossa tagliata dall’infermiere all’ospedale di Milazzo. Quella maglietta era del mio Gio’, l’ho stretta per circa 6 ore, il tempo di cercare di salvare lui ed il suo piede, intervento lungo e difficile. Ricordo, all’arrivo che ha fatto di tutto per non farsi tagliare i pantaloncini, vestiario sportivo del Milazzo calcio. Oggi – prosegue il papà di Giò – mi rivolgo a colui che ha causato tutto. Quel giorno, il mio Gio si è scontrato con il male personificato, che ha tentato di stoppare per sempre il sogno di un ragazzo di 14 anni. Ha vinto fede, la speranza e la forza del mio grande Giò”.
“Proprio ieri, i brividi, quando Fabio, alla fine dell’allenamento, gli consegna il nuovo completino, pantaloncini blu e maglia rossa, da indossare per la presentazione del Città di Milazzo, di questa sera. Per i non addetti ai lavori Gio è passato nella nuova squadra, proveniente dal Messina”.
“Saranno coincidenze – conclude -,  saranno sensazioni di un padre che rivede il proprio figlio rigiocare con i colori rossoblù. Questa è un’altra chance. In questi due anni, il mio Gio ne ha passate tante, ma oggi è qui con noi a continuare a combattere ad essere protagonista della sua vita”.
Con immenso amore
Papa’