Non perdere...
Home / Calcio / Calcio a5 Maschile, Under 21, girone Z: Acireale capolista solitaria, vince 9-3 a Bagheria

Calcio a5 Maschile, Under 21, girone Z: Acireale capolista solitaria, vince 9-3 a Bagheria

Acireale Calcio a 5Nel girone Z dell’Under 21, prosegue la marcia dell’Acireale (nella foto), capolista del girone dopo il successo in trasferta, 9-3, contro Sant’Isidoro, scavalcata in seconda posizione dal Futsal Melito, vittorioso in casa per 2-0 contro il Kroton.
I risultati della 6° giornata ( domenica 10/11/2013):
Catanzaro Calcio a 5- Città di Villafranca 5-6
Futsal Melito- Kroton calcio a 5 (2-0)
Sant’Isidoro Bagheria- Acireale 3-9
Catania C5- Fata Morgana 7-1
Sporting Peloro Messina-Cataforio 0-3
Riposava: Augusta
Classifica: Acireale 15, Futsal Melito 13, Sant’Isidoro Bagheria  12, Sant’Isidoro Bagheria  12,  Catania C5 10, Città di Villafranca 9, Cataforio 9, Fata Morgana 6, Augusta (-3) 6,  Sporting Peloro Messina 3, Catanzaro Calcio a 5 3, Kroton calcio a 5 0.
Prossimo turno, 7^ giornata (17/11/2013):
Acireale – Futsal Melito
Fata Morgana-Augusta
Cataforio- Catanzaro Calcio a 5
Città di Villafranca- Catania C5
Kroton calcio a 5- Sporting Peloro Messina
Riposa: Sant’Isidoro Bagheria
Under 21: il Tierre Sant’Isidoro torna sulla terra, Acireale ancora troppo forte
La 6^ giornata di campionato nazionale Under 21 proponeva un inaspettato scontro al vertice tra i padroni di casa del Tierre Sant’Isidoro e l’Acireale. Dopo 5 partite, infatti, le due formazione si trovavano in testa alla classifica appaiate a quota 12 punti, anche se i catanesi avevano una partita in meno rispetto ai biancorossi. Lo scontro al vertice era insolito proprio perché, contrariamente all’Acireale, abituato a queste posizioni di classifica, il Tierre Sant’Isidoro non aveva affatto preparato o pronosticato un campionato di vertice, vista la prima partecipazione assoluta a un torneo di livello nazionale.
Per l’occasione, mister Conti Guglia ha potuto contare sull’apporto di Pisciotta e Puleo, in non perfette condizioni fisiche visto che meno di 24 ore prima del match avevano disputato un incontro al cardiopalma con la prima di squadra di mister Tripoli in quel di Crotone.
I primi minuti dell’incontro sono utili per capire la caratura del proprio avversario. I ragazzi si studiano, cercano di capire qual è il momento giusto per affondare e dove farlo con maggiore percentuale di riuscita. A rompere il ghiaccio ci pensa Pennisi, abile a destreggiarsi in mezzo al campo e trovare la porta dagli 11 metri: Maggio, coperto nella visuale, non legge la traiettoria e viene inesorabilmente trafitto. I padroni di casa non demordono, tentano di portarsi in parità e solo la sfortuna glielo impedisce più di una volta. Sfortuna che, però, si prende una tregua al 12’ minuto: Puleo viene imbeccato alla perfezione da Gullo e in uscita supera l’estremo difensore granata. E’ 1-1. Adesso la partita appare più equilibrata. L’Acireale fa girare il pallone, ma il Sant’Isidoro si difende con ordine e punge in contropiede. Al 15’ minuto è ancora Pennisi ad illuminare i suoi con un’imbucata deliziosa che trova pagano libero di colpire sul secondo palo. I padroni di casa accusano il colpo e gli ospiti ne approfittano. Arriva anche la terza marcatura grazie a Pulvirenti, abile a superare Maggio con uno scavetto. Manca oramai poco all’intervallo, ma c’è ancora tempo per vedere gli ospiti andare in rete per la quarta volta: Maggio non controlla un tiro rasoterra ampiamente alla sua portata. E’ 1-4.
Nello spogliatoio mister Conti Guglia si fa sentire, i ragazzi sembrano percepire il messaggio e si dimostrano convinti nel provare a ribaltare il match, ancora per nulla chiuso. Dall’altra parte, tuttavia, il cinismo e la concretezza la fanno da padrona. L’Acireale non ha nessuna intenzione di soccombere agli attacchi dei bagheresi e ha le armi giuste per respingere all’offensiva prima che essa possa ancora partire. Al 2’ minuti Pennisi va in gol a porta praticamente sguarnita, ripetendosi 2 minuti dopo dalla distanza. E’ un 6-1 pesantissimo in favore degli ospiti. Ospiti che non hanno nessuna intenzione di mollare la presa e bastano altri 4 minuti per andare in gol ancora due volte e fermare il tabellone su un parziale di 8-1 per la squadra granata. Tuttavia, anche inaspettatamente, il Tierre Sant’Isidoro ha un sussulto d’orgoglio e, guidata da un Pisciotta mai domo, va in rete per il 2-8. Passano 10 secondi ed è Sapienza a trovare la via del gol sfruttando un errore della retroguardia ospite. 3-8 ed entusiasmo ritrovato anche perché Puleo subisce un fallo che porta il Sant’Isidoro sul dischetto del tiro libero. Tira Gullo, fuori. Altro fallo e altra opportunità del 4-8 dagli 11 metri. Questa volta tira Luparello, ma il suo tiro viene parato. Lo stesso Luparello è sfortunato l’azione successiva quando Trovato va in gol grazie ad una serie di rimpalli che hanno messo fuori causa l’estremo difensore del Sant’Isidoro. Sul 3-9 i padroni di casa hanno ancora una chance dal tiro libero, ma Puleo tira fuori.
Finisce così, 3-9. Tierre Sant’Isidoro adesso 3° in classifica scavalcato dal Futsal Melito. Prossimo impegno proprio in casa dei calabresi domenica 24 novembre.
Addetto stampaTierre Sant’Isidoro
Salvatore Orifici