Non perdere...
Home / Calcio / Calcio a5 Maschile, Under 21, girone Z: 12 ^ giornata

Calcio a5 Maschile, Under 21, girone Z: 12 ^ giornata

Sant'Isidoro BagheriaI risultati della 12^ giornata, domenica 22/12/2013:
Sporting Peloro Messina- Catanzaro Calcio a 5 2-1
Sant’Isidoro Bagheria- Augusta 6-4
Acireale – Fata Morgana 3-1
Kroton calcio a 5 – Città di Villafranca 11-7
Futsal Melito – Catania C5 2-2
Riposava: Cataforio
Classifica: Acireale 30, Sant’Isidoro Bagheria 27, Augusta (-3) 21, Futsal Melito 20, Catania C5 17, Fata Morgana 15, Kroton calcio a 5 12, Cataforio 12, Città di Villafranca 9, Sporting Peloro Messina 6, Catanzaro Calcio a 5 6.
Prossimo turno, 13^ giornata (domenica 05/1/2014):
Città di Villafranca- Acireale
Augusta – Futsal Melito
Catania C5- Sporting Peloro Messina
Cataforio – Kroton calcio a 5
Fata Morgana- Sant’Isidoro Bagheria
Riposa: Catanzaro Calcio a 5
Domenica 22/12/2013: Sant’Isidoro Bagheria- Augusta 6-4
Under 21 del Tierre Sant’Isidoro da urlo, rimonta da manuale
Primo tempo da incubo, secondo tempo da sogno. Primo tempo male, secondo bene. E il bene vince sempre sul male.
I terribili ragazzi di mister Conti Guglia, sostituito egregiamente in panchina dal mister della prima squadra Carmelo Tripoli, vincono una partita che ha dell’epico per come si sono succedute le reti e le emozioni. Avversario l’Augusta, terzo in classifica a soli 3 punti dal Tierre Sant’Isidoro, secondo.
Privi dell’infortunato Castronovo ma forti del nuovo arrivo Mignosi, i biancorossi iniziano la gara più importante del 2013 con il piede sbagliato. Ortisi, il migliore in campo tra gli ospiti, approfitta di una dormita generale in mezzo alla difesa e supera Luparello: 0-1. La reazione dei padroni di casa tarda ad arrivare e gli ospiti ne approfittano, andando a segno per la seconda volta. Uno-due terrificante che demoralizza il pubblico di casa. Al 14’ un lampo nel deserto. Puleo pesca Sapienza al limite dell’area, bravo ad attendere l’inserimento dello stesso Puleo che di sinistro conclude in porta dimezzando lo svantaggio. A fine primo tempo, doccia fredda per i padroni di casa, con l’Augusta che gonfia ancora la rete sfruttando una bella giocata del solito Ortisi. E’ con questo risultato che le due squadre vanno negli spogliatoi.
Tripoli scuote l’ambiente, sveglia i ragazzi dal torpore e li spinge ad entrare in campo con la voglia di attaccare a spron battuto alla ricerca di una vittoria che avrebbe dell’incredibile visto il brutto primo tempo giocato dai biancorossi.
Pronti-via e gli ospiti vanno ancora in gol. Ortisi trova un angolo impossibile, Maggio è incolpevole in quanto con la visuale totalmente coperta. La rete abbatterebbe chiunque. 3 gol di scarto sono difficili da recuperare in mezzo tempo, soprattutto a questi livelli. Ma i terribili ragazzi del Tierre Sant’Isidoro si stanno dimostrando di un altro livello, letteralmente superiore alla media quando si parla di grinta, determinazione e voglia di lottare. Pisciotta prende in mano la squadra e dà il via a un contropiede eccezionale in collaborazione con Puleo. E’ la rete del 2-4 al 4’ minuto di secondo tempo. Adesso i padroni di casa dominano in lungo e in largo gli avversari. Al 9’ arriva la rete del 3-4 grazie ad un’imbucata deviata goffamente in porta da un difensore dell’Augusta. Il pubblico è in delirio, i ragazzi dentro il campo sono in trans-agonistica vera e propria. Scianna con il tacco tocca il palo. Sapienza, imbeccato da Puleo, lo imita a porta sguarnita. In difesa Chiello e Puleo sono monumentali e non concedono un centimetro a Ortisi.
Entra Mignosi e cambia ulteriormente il match. Giocate di alta classe quelle del palermitano che al 13’ minuto supera il portiere ospite prima di essere travolto dallo stesso. E’ rigore. Si incarica della battuta Pisciotta. Palla all’incrocio dei pali, 4-4. Augusta tramortito, Tierre Sant’Isidoro non ancora sazio. E’ ancora Mignosi il protagonista al 15’ minuto: veronica e conclusione di sinistro. Rete, 5-4 per i padroni di casa. Il sorpasso è effettuato. Il pubblico sugli spalti è in festa. L’Augusta ha un sussulto d’orgoglio che si spegne sul palo per ben due volte. Paura tra i padroni di casa, che termina al 17’ grazie a Gullo. Tiro libero calciato in maniera esemplare, e gol del 6-4. Nel finale, con il portiere in movimento, l’Augusta va vicino al gol in un paio di occasioni ma Maggio è bravo a sventare tutti i pericoli. Finisce così, 6-4. Altra rimonta, altra vittoria, altra impresa. E la favola continua.
Addetto stampa Tierre Sant’Isidoro
Salvatore Orifici