Non perdere...
Home / Basket / Basket Lega Adecco Gold: Le gare della 7^ giornata

Basket Lega Adecco Gold: Le gare della 7^ giornata

Barce-ImolaBasket Lega Adecco Gold,  7^ giornata, sabato 9 e domenica 10/11/2013. Tabellini e cronaca delle gare Sigma Barcellona – Aget Service Imola 97-62 e Pallacanestro Trapani-Pallacanestro Trieste 2004 87-80 dts.
Centrale Del Latte Brescia – Angelico Biella 92-88
Aquila Basket Trento 2013 – Expert Napoli 91-86 (sabato)
PMS Torino – Upea Capo D’Orlando 76-82
Novapiù Casale Monferrato – Fileni Bpa Jesi 86-76
Lighthouse Trapani LivePall. Trieste 2004 87-80 dts
Tezenis Verona – Fulgor Libertas Forlì 74-71
Basket Ferentino – Zeppieri Costruzioni Veroli 71-64
Sigma Barcellona – Aget Service Imola 97-62
Classifica: Centrale Latte Bs 12, GZC Veroli 10, Manital Torino 10, Sigma Barcellona 10, Angelico Biella 10, Aquila Basket Trento 10, Lighthouse Trapani 8, Upea Capo D’Orlando 8, Tezenis Verona 6, Fileni BPA Jesi 6, Expert Napoli 6, FMC Ferentino 4, Pall. Trieste 2004 4, Novipiù Casale M.to 4, Aget Imola 2, Fulgor Forli’(-2) 0.
Prossimo turno, 8^ giornata (17/11/2013. ore 18:00):
Angelico Biella- Novipiù Casale M.to
Fulgor Forli’- Upea Capo D’Orlando
Expert Napoli- Manital Torino
Lighthouse Trapani- Centrale Latte Bs
GZC Veroli- Tezenis Verona
Aget Imola- Aquila Basket Trento
Fileni BPA Jesi- Sigma Barcellona
Pall. Trieste 2004- FMC Ferentino
Sigma Barcellona – Aget Imola 97 – 62
Barcellona parte subito forte con Collins e Maresca che siglano immediatamente un break di 9 – 0 quando non sono passati neanche due minuti. Visto il brutto inizio degli ospiti, coach Esposito convoca i suoi in panchina per qualche aggiustamento ma la storia non cambia e i giallorossi incrementano il vantaggio fino al  +11 (15 – 0). A rompere il ghiaccio per i biancorossi ci pensano Young e Niles dopo sei minuti di gara ma Young e compagni vanno avanti per la loro strada chiudendo il primo quarto con il punteggio di 28 – 11.
Si torna in campo per il secondo quarto, Imola con le unghie e con i denti prova a rientrare in partita con i canestri con Ian Curtis Young e Marco Passera, protagonisti di un break di 12 punti contro i 4 segnati dai padroni di casa. Dall’altra parte del campo Alexander Young sembra portar avanti il lavoro iniziato nel quarto precedente scuotendo i suoi, il parziale è di 32 – 23. I romagnoli cercano di portare avanti i dettami di Coach Esposito ma l’accoppiata Collins e Young salgono in cattedra  riportando il tabellone sul punteggio di 47 – 31 dopo nove minuti di gioco.  Giovanni Perdichizzi decide di dar spazio anche al giovane  Carmelo Iurato che sulla sirena va vicino alla realizzazione osannato da tutto il pubblico giallorosso.  Si va negli spogliatoi per l’intervallo lungo sul punteggio di 47 – 37.
Si torna in campo per il terzo quarto  inaugurato da Collins che non ci pensa due volte segnando dalla lunga distanza. Per Imola ci prova Curtis Young  a riaprire la partita ma i giallorossi colgono i frutti della pressione difensiva e riescono con l’altro Young, Alex  a mantenere le distanze. Dopo quattro minuti del terzo periodo viene attribuito un fallo antisportivo al play ospite Marco Passera che permette a capitan Maresca di incrementare ulteriormente il vantaggio, 54 – 39.  I siciliani mettono la quinta marcia e si portano sul +27, (69 – 42) grazie ai canestri di Collins, Maresca, Toppo e Natali. Il periodo termina 69 – 46.
Il quarto e ultimo periodo viene aperto da una tripla di Turel che riporta a  -20 i propri compagni, Fantoni  e Young dall’altra parte del campo non si risparmiano buttandosi nella mischia. Dopo tre minuti di gara il punteggio sposa 76 – 54.
Maccaferri e compagni non gettano la spugna tentando il tutto per tutto ma Barcellona non si lascia intimorire continuando per la propria strada. La vampata che infiamma definitivamente il pubblico arriva dal numero spettacolare Collins to Young, concluso con alley oop. Il PalAlberti è bollente e il tabellone recita 84 – 57 con quattro minuti di gioco. Ultimi di minuti di gioco ma Barcellona offre tanto spettacolo alla sua gente.  Lo “Sceriffo” Perdichizzi concede nuovamente spazio a Carmelo Iurato e a Giuseppe De Leo.Il match termina 97 – 62.
Sigma Barcellona – Aget Imola  97 – 62  (28 – 11); (47 – 37); (69 – 46); ( 97 – 62)
Tabellino:
Sigma Barcellona
: Young 28, Toppo 10, Maresca 10, Natali 6, Collins 27, Filloy 2, De Leo, Iurato, Pinton 7, Fantoni 7.  Coach  Giovanni Perdichizzi.
Aget Imola: Maccaferri 6, Mastellari 3, Young 15, Gorrieri 2, Turel 10, Dordei n.e. , Passera 12, Niles 9, Sedioli, Mancin 5. Coach Vincenzo Esposito.
Dalle parole del coach Giovanni Perdichizzi si evince la soddisfazione per la buona prestazione di questa sera: “Abbiamo chiesto ai nostri ragazzi di affrontare la partita con la giusta mentalità. Durante la settimana ci siamo allenati
per migliorare la fluidità nei giochi. Siamo soddisfatti per l’atteggiamento che i nostri ragazzi hanno  adottato ma soprattutto per l’intensità difensiva.”
Barcellona, 10 novembre 2013
Ufficio Stampa Sigma Basket Barcellona
Comunicato Ufficiale n.105
Fote, fonte (Ignazio Brigandì/ LNP)
renziPallacanestro Trapani-Pallacanestro Trieste 2004 87-80 dts. Tabellino e cronaca
Pallacanestro Trapani – Pallacanestro Trieste 87-80 d.t.s. (22-15; 37-36; 51-57; 72-72)
Pallacanestro Trapani: Renzi 13 (4/6, 0/4), Lowery 12 (5/7, 0/5), Baldassarre 18 (6/6), Bossi 5 (1/1, 1/2), Rizzitiello 5 (2/2, 0/1), Ianes (0/1), Parker 19 (6/12, 1/3), Ferrero 15 (3/5, 1/3), Bartoli n.e., Tabbi n.e. Coach: Lino Lardo
Pallacanestro Trieste: Hoover 14 (1/3, 3/8), Fossati 7 (3/4), Tonut 19 (3/4, 4/8), Harris 9 (4/7), Mastrangelo 5 (1/1, 1/2), Ruzzier 2 (1/3, 0/2), Di Liegro 8 (3/14), Candussi 7 (2/5, 1/4), Carra 9 (2/4, 1/6), Urbani (0/2). Coach: Eugenio Dalmasson
Note. Arbitri: Andrea Masi di Firenze, Angelo Caforio di Brindisi e Michele Capurro di Reggio Calabria. T.L.: Trapani 24/41, Trieste 10/17. Tiri da due: Trapani 27/40, Trieste 20/47. Tiri da tre: Trapani 3/18, Trieste 10/30. Usciti per cinque falli: Baldassarre e Di Liegro. Spettatori: 3.000 circa.
TRAPANI. La Pallacanestro Trapani suda le proverbiali sette camicie prima di avere la meglio su Trieste che ha dimostrato di aver fatto davvero bene a puntare sui tanti giovani del proprio vivaio, affidati alle esperte mani di coach Dalmasson. Tra le fila granata solamente l’under Tabbi accusa qualche guaio muscolare, mentre la formazione friulana deve fare i conti con le condizioni non proprio ottimali del lungo Di Liegro. Trapani serve con continuità Baldassarre e Renzi, le percentuali da due premiano la scelta di coach Lardo (8/13). Trieste soffre la fisicità della formazione granata che, dal suo canto, spreca diversi palloni in transizione. Si va alla prima mini sirena sul 22-15 per la formazione granata con la tripla allo scadere di Bossi. Nel secondo periodo la zona friulana manda un po’ in difficoltà i padroni di casa che vengono sorpassati da un break ospite di 8-0 (31-32). Si va avanti sul filo dell’equilibrio con Trapani che paga le 9 palle perse mentre Ruzzier fa girare bene i suoi. Al riposo lungo lo score recita 37-36 per Ferrero e soci. I granata vanno spesso in lunetta, continuano a tirare bene da sotto (11/17), trovando un ottimo Baldassarre, già a quota 12 punti con 4/4 da due oltre 5 rimbalzi. Al rientro dagli spogliatoi Trieste produce subito un break di 4-0 (37-40), favorito anche da qualche attacco affrettato di Trapani. Le bombe di Tonut ed Hoover proiettano gli ospiti sul +8 (42-50). Trapani si affida alla zona, prova a ricucire lo strappo ma sbaglia troppi liberi mentre i friulani non sbagliano un colpo da fuori (4/5 nel parziale). Le squadre si ritrovano sul 51-57 quando mancano gli ultimi 10’. Dalmasson lascia quattro under contemporaneamente sul parquet per diversi minuti, Trapani trova un grande Baldassarre che lotta su ogni pallone ma spreca oltre ogni immaginazione dalla lunetta. Tonut mantiene avanti i suoi (59-64). Una fiammata di Parker (5 punti di fila) permette a Trapani di impattare a 2’ dal termine (66-66). Renzi realizza un canestro ad alto coefficiente di difficoltà, portando avanti i granata (69-68 a 27’’ dalla fine). Baldassarre poi cattura il rimbalzo e sul fallo subito realizza i due liberi che sembrano chiudere il match (71-68 a 19’’ dalla sirena conclusiva). Dopo l’1/2 di Renzi dalla linea della carità, arriva però, proprio allo scadere, il canestro da sotto di Harris che manda tutti all’overtime (72-72). Lì due grandi giocate di Lowery e la successiva tripla di Ferrero chiudono di fatto il match con i granata che acquisiscono subito un buon margine (79-72). Trieste pare non avere più energie per rientrare. L’alley-up di Lowery per Parker manda i titoli di coda, facendo esplodere il Palailio che rimane così imbattuto. Trapani tira molto bene da due, 27/40 (68%), viaggiando spesso in lunetta dove però spreca tantissimo (24/41, 59%), soprattutto nel secondo tempo (12/26). Tra i singoli segnaliamo la doppia cifra di Renzi che subisce ben 8 falli e cattura anche 6 rimbalzi, il finale di match di Parker (5 assist oltre 6 recuperi), la tripla di Ferrero nell’overtime ed i numeri dell’MVP Baldassarre (18 p.ti, 6/6 da due, 12 rimbalzi, 3 stoppate date e 10 falli subiti). Il prossimo impegno per Trapani sarà nuovamente tra le mura amiche, domenica prossima contro Brescia.
Ufficio Stampa Pallacanestro Trapani
Trapani, domenica 10 novembre 2013
COMUNICATO STAMPA N. 117